Le auto riducono le emissioni di CO2 ma non è abbastanza

CO2_emissioni.jpg


Nel 2009 i produttori di auto hanno ridotto, in media, le emissioni di CO2 dei modelli complessivamente venduti sul mercato europeo del 5,1%, portando la media di settore a 145,7 gCO2/km (rispetto al 153,5 dell'anno 2008) e facendo registrare un salto in avanti rispetto agli obiettivi europei fissati con la direttiva sulla CO2 delle auto (130 gCO2/km al 2015).


E' quanto riporta l'analisi presentata dal report "How clean are Europe's cars. An analysis of carmaker progress towards EU CO2 targets in 2009" curato da Transport & Environment.


Riduzione importante ma non ancora sufficiente considerando che il contributo dei trasporti alle emissioni di gas serra in Europa rimane consistente: il 14% delle emissioni europee totali, quota che dal 1990 al 2008 è aumentata del 29%.


Rispetto ai risultati relativi al 2008, secondo Transport & Environment, la crisi economica e gli incentivi alla rottamazione stanziati da vari governi europei, pur avendo avuto un effetto positivo sulla domanda di auto più economiche e a bassi consumi, sono solo parzialmente responsabili di tale risultato positivo. Il contribuito maggiore invece viene dall'innovazione tecnologica introdotta nella meccanica delle auto.


Rispetto a questo, in base ai parametri di analisi adottati da T&E, è Toyota il marchio a ottenere il miglior risultato (7% di riduzione di emissioni rispetto al 2008 con l'introduzione di nuova tecnologia) seguita da Suzuki (6%) e Daimler (5%).


I risultati della ricerca di T&E dimostrano che investire in produzioni a basse emissioni e alta tecnologia conviene e può essere la via per uscire dalla crisi finanziaria e vincere la doppia sfida climatica ed economica.


Sembra addirittura che le case produttrici in solo anno abbiano ridotto complessivamente del 30% la distanza che manca a raggiungere gli obiettivi fissati dalla Direttiva Europea 443/2009, ovvero i 130 gr di CO2 emessi per km, un target che molto probabilmente verrà raggiunto in anticipo.

Daniel Monetti, responsabile della campagna CO2/Auto di Terra!, aggiunge:


"E' positivo constatare che, seppur con dieci anni di ritardo, tutta l'industria automobilistica abbia iniziato a dotare i propri modelli della tecnologia necessaria a ridurre le emissioni di CO2. Tuttavia, è opportuno considerare che la vera sfida per i prossimi anni rimane quella di un cambio di paradigma di mobilità con l'offerta di nuove auto con caratteristiche di consumi, emissioni e, soprattutto, dimensioni idonee alle reali esigenze di mobilità privata".


"I dati delle vendite per il 2009 dimostrano che la crisi economica ha determinato una evoluzione dei consumi verso modelli di auto più economiche e a basse emissioni. E' auspicabile che, finita la stagione degli incentivi, tale trend si consolidi anche attraverso una corretta informazione ai consumatori. Non vorrei, invece, che l'ottimismo per i dati intermedi presentati da T&E (comunque ancora lontani dagli obiettivi fissati) si trasformasse in un lasciapassare alle case automobilistiche per continuare a disattendere la regolamentazione sui consumi e le emissioni di CO2 delle auto in materia di pubblicità".


Comunicato ricevuto da "Campagna Trasporti Terra!"

  • shares
  • Mail