Lotta alla cellulite, tra diagnosi e terapie mediche d'urto

pinup167.jpg

Quando compare, solitamente anche in giovane età, diventa un nemico estetico temutissimo da combattere, a volte con scarsissimi risultati. L'approccio corretto nell'affrontare la cellulite, però, dovrebbe partire dalla considerazione che non si tratta solamente di un difetto estetico ma di una vera e propria malattia infiammatoria.

Certo, una malattia che nella maggior parte dei casi non deve destare preoccupazione ma che comunque, dal momento in cui il sintomo è lì, ben visibile e problematico dal punto di vista dell'aspetto esteriore, dovrebbe far riflettere "alla radice" sulle cause che portano al suo manifestarsi.

Cominciamo col dire che è una malattia multifattoriale che, oltre che tamponata con la cosmesi o con rimedi naturali , va curata indipendentemente dall'età. A scatenarla potrebbe essere una predisposizione genetica, un'insufficienza venosa, alcuni disturbi ormonali oppure uno stile di vita non corretto. In ogni caso, come per ogni malattia, il primo step è la diagnosi.

"La pelle a buccia d'arancia è una sorta di "incollamento" tra lo strato superficiale e il sottocute, e insorge già verso i 25-30 anni. Può essere superficiale, media e profonda. Ma buona norma è valutarne la gravità innanzitutto con un'ecografia. Ci si può inoltre avvalere dell'ecodoppler per verificare la funzionalità dei vasi sanguigni), della xerografia e della termografia", spiega il chirurgo plastico Giuseppe Sito.

Quindi via libera alla prevenzione, a partire dall'attività aerobica unitamente all'apporto di creme contenenti escina (una sostanza dotata di attività antiedemigena e antinfiammatoria). Un trattamento che sembra dare risultati visibili e, poi, l'Icoone per microstimolare in profondità, tonificando e riducendo senza nessun trauma.

Tra gli altri trattamenti c'è la Carbossiterapia che gonfia e rompe le cellule adipose, l'Ozonoterapia che disinfetta con la sua miscela di ossigeno e ozono e il massaggio linfodrenante.

Nel caso che la cossiddetta buccia d'arancia raggiunga livelli di particolare entità si può ricorrere alla lipoaspirazione, sempre in seguito ad un parere medico concorde e in seguito alla valutazione che l'effettiva elasticità della pelle permetta questo tipo di intervento.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: