Sale l'attesa per l'Ora della Terra: si spegnerà per la prima volta la Fontana di Trevi

oradellaTerra2010.jpg

Sale l'attesa per l'Ora della Terra (sabato 27 marzo 2010, ore 20.30 italiane) l'evento mondiale del WWF che vedrà migliaia di città e monumenti di 120 paesi spegnersi per un'ora richiamando l'attenzione sui problemi del clima, sull'utilizzo dell'energia sostenibile e sugli stili di vita dei cittadini 'a basso consumo di carbonio'. La grande partecipazione all'evento anche quest'anno dimostra come l'umanità sia determinata a ottenere un mondo che riduca drasticamente le emissioni di CO2, alla base del riscaldamento globale e chiedere uno sforzo straordinario e collettivo per vincere la più grande sfida ambientale del nostro tempo.

Ed in questa occasione si fa il punto anche sull'energia 'nascosta' che potrebbe ridurre ulteriormente lo spreco di consumi del nostro paese e risparmiare in atmosfera la CO2 emessa da oltre 16 milioni di auto (metà del parco auto nazionale). L'inefficienza energetica nazionale è infatti calcolata al 55%: consumiamo mediamente 140 kWh al metro quadro annuo, quando si può arrivare tranquillamente fino a 40 kWh.. Infatti, se gli oltre 20 milioni di abitazioni esistenti in Italia fossero messi in efficienza, si potrebbe recuperare l'equivalente di energia prodotta da 8 centrali nucleari.

In Italia il 30% della spesa energetica dipende dalle nostre case, che sono responsabili di circa il 27% delle emissioni nazionali di gas serra. Ogni famiglia di 4 persone consuma per la casa circa 1,8 tep (tonnellate equivalenti di petrolio) all'anno, per l'uso di combustibili e di energia elettrica. Più della metà di tale consumo è assorbito dal riscaldamento. Inoltre, di tutta l'energia consumata in una stagione per riscaldare un edificio, una buona parte viene dispersa dalle strutture (tetto, muri, finestre) e una parte dall'impianto termico (rendimento).

"Questi consumi possono essere drasticamente ridotti - ha dichiarato Stefano Leoni, Presidente del WWF Italia - Spegnere la luce per un'ora in occasione dell'Earth hour - Ora della Terra è un gesto simbolico, ma è un'occasione per pensare quanto possiamo fare".

Quanto ai costi - come calcolato cda Cremonesi consulenze, partner tecnico della campagna GenerAzione Clima del WWF - la spesa per un intervento medio a famiglia va dai 3 ai 5mila euro che, al netto degli sgravi fiscali (55%), si ammortizzano nell'arco di 4-5 anni. Riducendo le dispersioni e utilizzando apparecchi ad alta efficienza, ad esempio, ogni famiglia può risparmiare dal 20 al 40% delle spese per riscaldamento, con notevoli vantaggi per il bilancio economico familiare e per l'ambiente. Per migliorare l'efficienza energetica è inoltre fondamentale lavorare sugli involucri degli edifici oltre che sugli impianti, che poi è il meccanismo base del sistema ESCo. Le Energy saving company intervengono sugli impianti, anticipando i soldi dell'intervento e guadagnando sull'effettivo risparmio ottenuto in bolletta.

L'evento centrale per il WWF si svolgerà a Roma: si spegnerà per la prima volta la Fontana di Trevi, una delle più celebri fontane del mondo: insieme ai volontari del WWF il Presidente onorario Fulco Pratesi e l'attore e regista Ricky Tognazzi spegneranno 'simbolicamente' il monumento grazie ad un enorme interruttore. Anche il Planetario di Roma si spegnerà così come accadrà in tante città italiane che hanno aderito con alcuni dei simboli dell'arte e dell'architettura: la Mole Antonelliana a Torino, il castello Sforzesco a Milano, il castello Visconteo a Trezzo sull'Adda, il Palazzo Vecchio a Firenze, la Torre di Pisa e tutta la Piazza dei Miracoli, il Castello di Monteriggioni, Piazza Sant'Oronzo a Lecce, la Torre San Pancrazio a Cagliari e perfino l'Acquario di Genova. Sono circa un centinaio, tra piccoli Comuni e grandi città quelle che hanno aderito all'Ora della Terra. Non mancano iniziative 'speciali' come quella organizzata dal WWF di Livorno che ha coinvolto tutti i locali del centro della città per un suggestivo aperitivo a lume di candela o le visite notturne all'Oasi di Burano, sempre in Toscana, per conoscere meglio il popolo della notte come gufi, civette, anfibi , farfalle notturne.

In Italia è sceso ancora una volta sul campo a fianco del WWF anche il Capitano della Roma, Francesco Totti con un messaggio: "Partecipare a Earth Hour sarà un modo per dare un segnale forte ai Grandi della Terra: i problemi climatici vanno affrontati subito e col massimo impegno per il bene dei nostri figli e delle generazioni future. Quindi, anche come papà di due bimbi, lo chiedo a tutti voi: aderite a quest'iniziativa, iscrivetevi sul sito del WWF e spegnete le luci quella sera. Un'ora al buio per accendere un messaggio di speranza. E per difendere l'unico pianeta che abbiamo".

  • shares
  • Mail