Sacchetti di plastica: l'eliminazione è ancora lontana

sacchetto-di-plastica-piccola.jpg

Dovevamo sbarazzarci di loro l'anno scorso, quando si iniziò a discutere l'inizio della progressiva eliminazione dai supermercati. Tuttavia il termine previsto per l'entrata in vigore della legge, il 31 dicembre, è ormai passato ma essi continuano ancora ad assillarci con i loro corpi avvolgenti dato che un emendamento del decreto Anticrisi ha rinviato la sentenza di dodici mesi.

Stiamo parlando dei sacchetti di plastica, dannosissimi per l'ambiente perché costituiti da polietilene, che si ottiene dalla lavorazione del petrolio, pertanto estremamente difficile da riciclare, dato che ci vogliono 400 anni perché si completi il processo di decomposizione.

Protonutrizione ci informa delle iniziative private organizzate in Italia per scavalcare la lentezza della politica nel prendere decisioni risolutive in quest'ambito. Si tratta di buoni punti di partenza, però siamo ben lontani dal caso della Cina che ha bandito l'uso dei sacchetti e in 12 mesi ha risparmiato 1,6 milioni di tonnellate di petrolio, mediante il mancato utilizzo di 40 miliardi di shopper.

Continuate a leggere su Protonutrizione

  • shares
  • Mail