Emergenza rifiuti: in Germania non ne hanno abbastanza, da noi sono troppi

foto-momo-discarica-di-bellolampo.jpg

Parliamo oggi di emergenza rifiuti, che sembra essere un tema molto sentito dai blogger di Scienza e salute .

Il nostro Gianluigi Filippelli di Science Backstage ci parla dell'interessante iniziativa "Basta veleni!" che si terrà ad Amantea il 28 ottobre. Scopo di questa manifestazione è di ridare visibilità al problema dei rifiuti tossici che affligge la Calabria: stiamo parlando delle scorie trovate nella valle del fiume Oliva, nella nave affondata al largo di Cetraro e in altre parti della regione. Il richiamo è molto importante, dato che il Governo è preso dalle emergenze abruzzesi e messinesi e sembra aver dimenticato i gravi problemi che affliggono la Calabria (e non ci riferiamo certo alle uscite di Venditti).

Collegato a questa iniziativa è il video che Luigi Gallo ha postato su Protonutrizione, che dà voce alle dichiarazioni di accusa di Padre Alex Zanotelli contro il pericolo degli inceneritori e contro gli accordi tra Italia e Somalia sul seppellimento segreto di rifiuti tossici.

In ultimo Marco Pagani di Eco alfabeta ha segnalato lo strano caso della Germania che ha talmente tanti inceneritori da eccedere la domanda interna e quindi deve importare rifiuti dall'estero per rendere vantaggioso il loro utilizzo. Ovviamente i tedeschi stanno iniziando a protestare, preoccupati dalla pericolosità di questi impianti.

Chissà se succederà la stessa cosa in Campania dove ne sono stati aperti molti...

  • shares
  • Mail