Un nuovo tipo di superconduttori: ne parla Science Backstage

effetto meissner

di Gianluigi Filippelli

I superconduttori si dividono in due grandi famiglie, i superconduttori di tipo-1 e quelli di tipo-2. Non certo una grande fantasia, anche se la suddivisione dipende dalla differenza nelle proprietà fisiche dei due tipi di superconduttori. Un gruppo di fisici belgi e svizzeri hanno, però, trovato almeno un materiale - il magnesio diboride - che combina le caratteristiche dei due tipi ed è stato classificato come supercontuttore di tipo-1.5.
I superconduttori a bassa temperatura, i più convenzionali, sono di tipo-1, ovvero un campo magnetico non riesce a penetrare il materiale, se non in piccole porzioni all'inizio e alla fine del materiale stesso (ciò è ovviamente dovuto al fatto che un superconduttore ha comunque dei limiti di costruzione). Un campo magnetico, invece, è in grado di penetrare nei superconduttori di tipo-2 creando piccoli vortici (sono una delle possibili soluzioni all'equazione non lineare di Schrodinger: vedi A cavallo di un'onda solitaria) che crescono in numero in proporzione con l'intensità del campo magnetico applicato. Il campo passa attraverso una porzione di materiale normale(1) al centro di ogni vortice. I vortici si respingono uno con l'altro e quindi al crescere del loro numero formano un reticolo di vortici (che ancora una volta può essere studiato attraverso la fisica dei fenomeni critici).

Continua a leggere su Science Backstage.

  • shares
  • Mail