Rapporto tra emozioni e linguaggio: ne parla Psicocafé

pensierifelici.jpgdi Giulietta Capacchione

Oggi ospitiamo la viva voce di un giovane ricercatore catanese che ha preso parte a un interessante progetto di ricerca internazionale sul rapporto tra emozioni e linguaggio. Il suo nome è Daniele Virgillito ed è a vostra disposizione per commenti e contatti.

"Ho avuto la fortuna di prendere parte, assieme a un team internazionale di studiosi in campo psicologico, linguistico e neuroscientifico, ad uno studio realizzato presso il Nijmegen Institute for Cognition and Information (NICI) sugli effetti delle emozioni positive e negative sulla comprensione del linguaggio. I risultati verranno presentati al 16° Meeting Annuale della Cognitive Neuroscience Society. 
Prima di accennarvi brevemente di cosa si è trattato e quello che abbiamo evidenziato è necessaria una piccola premessa.
L'attività elettrica del cervello umano varia in maniera rapida e continua a seconda di ciò che esso fa. Se ne monitoriamo la fluttuazione nel tempo, correlandola a degli stimoli esterni, potremo scoprire delle regolarità interessanti e cercare di spiegarle. Questo è l'assunto di base di chi fa ricerca con gli ERPs (acronimo inglese per "potenziali evento-relati", event-related potentials), una metodologia di indagine che guarda, millisecondo dopo millisecondo, quanto il nostro cervello si "accenda" mentre svolge alcune fra le sue naturali funzioni.

Continua a leggere su Psicocafé.

  • shares
  • Mail