Lipostrutturazione: l'alternativa naturale al silicone

donne-chirurgiasshot-1.jpgSempre più donne preferiscono, per mini interventi di chirurgia estetica, soluzioni naturali piuttosto che materiali artificiali mal tollerati dall’organismo. La lipostrutturazione e l’utilizzo del plasma arricchito di piastrine, sono i trattamenti più adatti per chi non vuole ricorrere a sostanze estranee al proprio corpo, ma desidera comunque rendere più giovane il viso e migliorare irregolarità del corpo dovute a traumi, precedenti interventi, cicatrici. Sono trattamenti ideali anche perché non è necessario sottoporsi a operazioni invalidanti e costose. Entrambe le tecniche, infatti, possono essere effettuate  ambulatorialmente.

La lipostrutturazione non è altro che un prelievo di grasso effettuato in una zona del corpo denominata “area donatrice”, grasso che dopo essere stato opportunamente trattato, viene infiltrato sottocute in corrispondenza del tessuto da colmare o su cui creare volume. Una valida alternativa al lifting da sfruttare anche per modellare il corpo. L’azione del grasso non si limita per altro ad un effetto riempitivo.

"È ormai acclarata la presenza nel grasso di cellule staminali che avrebbero un effetto rigenerativo – spiega il dott. Roberto d'Alessio, Direttore Chirurgia Plastica Ospedale Cardarelli Napoli - Il loro utilizzo consente di ottenere come risultato un riempimento di volumi e una rigenerazione della pelle che assume progressivamente una consistenza e una tessitura più giovanile. Questa tecnica e anche quella del plasma prelevato dal sangue del paziente si possono praticare ambulatorialmente. Gli effetti sono superiori a quelli garantiti dall’acido ialuronico, più duraturi e consistenti. Nel progetto di ringiovanimento globale di un volto, tuttavia, mantiene un posto di assoluto rilievo la tossina botulinica. Il suo effetto sulle rughe della fronte e attorno agli occhi è entusiasmante; è possibile ottenere anche un sollevamento del sopracciglio paragonabile a quello che si consegue con un lifting".

  • shares
  • Mail