Gli adolescenti di oggi? Una generazione di tradizionalisti!

teenager_00.jpg

di Emanuela Zerbinatti

Strano quadro quello tracciato dell'indagine 2008 della Società italiana di pediatria (Sip) su "Abitudini e stili di vita degli adolescenti", presentato a Bologna. Si fidano di poliziotti e carabinieri, odiano giornalisti e politici credono nella "spintarella" nel mondo del lavoro, ma contemporaneamente anche nel valore del lavoro, della famiglia e degli amici.

Una generazione di tradizionalisti dunque, ma a stupire di più è proprio il fascino per la divisa dei tutori dell'ordine pubblico, tanto che già si parla di "effetto Montalbano" per sottolineare il ruolo che la televisione può aver avuto in questo cambiamento.

D'altra parte la televisione sembra l'interlocutore privilegiato dei giovani
Dalla ricerca della Sip che ha coinvolto 1.200 studenti di scuole medie inferiori, fra i 12 e i 14 anni si registra infatti una tendenza dei genitori ad essere sempre più "soft".

Il 70% degli adolescenti ritiene che le regole imposte in casa da papà e mamma siano adeguate. Solo il 19,4% sostiene che siano troppe, mentre per l'11% sono addirittura poche. Una famiglia assolutamente non prescrittiva, quella descritta dall'indagine, dove i genitori fanno pesare il loro punto di vista anche meno di quanto gli stessi figli riterrebbero ragionevole.
Sul modo di vestire, amicizie da frequentare, scuola superiore alla quale iscriversi e sport da praticare, solo poco più di un terzo dei genitori influisce sulle scelte del figlio, mentre per circa il 40% degli adolescenti sarebbe giusto che i genitori dicessero la loro in questi ambiti.

Questa assenza sembra influire anche su altri aspetti del rapporto: se i ragazzi hanno un problema da risolvere, il primo interlocutore sono oggi gli amici (44,7%) che hanno spodestato la mamma (41,9%), tradizionale confidente, per non parlare di papà (20%) e insegnanti (3,3%). E se il 63,7% dichiara di soffrire la solitudine, meno del 20% vorrebbe compensarla passando un po' più di tempo con i genitori; per contro, il 14% sostiene che di tempo con mamma e papà ne passa anche troppo. Ma a dire che tra genitori e tv è quest'ultima a fare da compagna dei ragazzi è proprio Maurizio Tucci, curatore dell'indagine

Continua a leggere su Arte e Salute

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: