Nobel economia 2008 è Paul Krugman, liberal critico di Bush che invoca la sanità gratuita

nobel2008eco.jpg

Nel momento in cui anche l'attenzione della casalinga di Voghera è catturata dalla situazione economica mondiale, nel pieno della crisi che ha messo in ginocchio l'America e il capitalismo e che ogni giorno riempie le pagine dei quotidiani, è stato assegnato il Nobel 2008 per l'Economia.

E a vincerlo è stato Paul Krugman, editorialista del New York Times ma soprattutto, economista liberal ipercritico con la new economy e, negli ultimi anni, con la politica economica del governo Bush. Krugman ha vinto il Nobel per i suoi studi sulle teorie degli scambi, ma il suo principale contributo al pensiero economico contemporaneo sono le idee nettamente keynesiane.

Autore di un blog visitatissimo, dove interpreta e spiega le tendenze economiche denunciando i grandi scandali e le storture dell'economia, nel suo ultimo libro, "La coscienza di un liberal", traccia una sintetica ma molto efficace lettura della politica americana anticipando in qualche modo la profonda crisi finanziaria che ha colpito gli Stati Uniti.

Continua su Blogosfere Cronaca e Attualità 

  • shares
  • Mail