Arrestato Marcelletti, il chirurgo dei bimbi: colpevole o innocente? In Rete se ne parla

marcelletti%282%29.jpg

UPDATE 9 Maggio: Il chirurgo ha ammesso davanti al gip di Palermo di aver scambiato SMS hard con una minorenne, ma dice di non averla mai incontrata.  

UPDATE 8 Maggio: Si aggraverebbe la posizione di Marcelletti: avrebbe scambiato decine SMS erotici con una 13enne. La ragazzina, interrogata in Procura, avrebbe confermato. Sembra che la madre della bambina fosse a conoscenza dello scambio di messaggini, tanto da prestare alla figlia il proprio cellulare per scattarsi foto hard da inviare al medico. Ma i genitori dei pazienti del chirurgo, per esprimere la loro solidarietà a Marcelletti, hanno organizzato una fiaccolata che dovrebbe partire stasera dall'ospedale Civico di Palermo.
 

Carlo Marcelletti, il chirurgo dei bimbi, si trova agli arresti domiciliari, accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato, peculato, concussione e pedopornografia.

Il cardiochirurgo si dichiara estraneo alle accuse, ma gli inquirenti sostengono che si sarebbe fatto dare dai genitori dei piccoli pazienti somme di denaro, sotto forma di donazioni all'associazione Abc da lui presieduta, in cambio di un “trattamento di favore” rispetto a quello di un ricovero ordinario.

Le accuse di pedopornografia, invece, si baserebbero sul ritrovamento di cinque MMS sul cellulare del primario, in cui si vede un nudo femminile. Gli avvocati del medico affermano che è impossibile stabilire se la persona rappresentata, di cui non si vede il volto, sia minorenne, ma per la Procura si tratterebbe di una ragazzina di 14 anni. (Foto tratta dal sito dell'associazione Abc)

Di Marcelletti si ricorda soprattutto il caso della separazione, nel 2000, delle gemelline siamesi Marta e Milagro, operazione che si era conclusa con la morte di entrambe le bimbe. Prima di questo intervento, Marcelletti aveva già operato più di 8000 bambini, tra i quali, nel 1982, Alessandro, che ha solo 14 ore e un tumore al ventricolo sinistro. Nel 1986 effettua il primo trapianto infantile in Italia su Ivan, di appena 15 mesi. 

Ma qualcuno gli contesta un presunto accanimento terapeutico e la voglia di sperimentazione estrema sulla pelle degli altri. Qualcuno lo accusa anche di venalità.

Il personaggio, quindi, suscita simpatie e antipatie e in Rete sono in molti a parlarne: quasi tutti si chiedono se le accuse siano fondate e se il celebre cardiochirurgo sia veramente colpevole. *STAGIONI* spera che sia tutta una finzione, ma se non fosse così il pediatra “meriterebbe il peggio del peggio del peggio”, mentre Ideateatro afferma che, se fosse provata la sua colpevolezza, “al signor cardiochirurgo non basterà una vita per vergognarsi di aver sfruttato la cattiva salute dei bambini a suo vantaggio”.

Sull'onda emotiva suscitata da queste vicende che coinvolgono anche piccoli malati, è facile puntare il dito. Tanta hontas, invece, è fermamente convinta dell'innocenza di Marcelletti e scrive: “un unico pensiero mi tormenta, quello che adesso stanno passando i genitori di quei bambini che oggi, ieri o domani dovevano essere operati da Marcelletti, ed ora si ritrovano senza il loro angelo custode”.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: