Allarme videogame: causano danni alla colonna vertebrale

videogiochi.jpg
Videogiochi
di nuovo sotto accusa. Questa volta non per i comportamenti aggressivi che alcuni giochi particolarmente violenti possono indurre nei ragazzi, ma perché troppe ore passate a combattere mostri o a giocare a calcio incollati ad un monitor possono causare danni alla colonna vertebrale di bambini e adolescenti.

A lanciare l'allarme è Alessandro Beraldi, odontoiatra di Milano specializzato in Posturologia e Gnatologia clinica e consulente del reparto di Posturologia sportiva dell'Università di Milano Bicocca.

Il 40% dei miei pazienti posturali ha meno di 18 anni – spiega – nel 10% dei casi il videogioco è il fattore primario del problema, nel 25% videogiochi, computer, tv e vita sedentaria in generale sono un co-fattore di assoluta importanza”. (Foto tratta da Flickr, PhotoCoe

Trascorrere troppo tempo ai videogiochi, infatti, porta ad assumere una posizione innaturale e facilmente riconoscibile: testa protesa, eccessiva curvatura del collo, mandibola indietro. Soprattutto nelle fasi della crescita, questa posizione altera la curvatura della schiena, provoca dolori muscolari e causa problemi di occlusione della bocca. 

La terapia è possibile e vivamente consigliata, ma è molto impegnativa e prevede un comportamento attivo da parte del paziente. Nei ragazzini fino ai 10 anni si ottengono risultati definitivi in pochi mesi, ma più si va avanti con l'età più i tempi si dilatano. Gli adulti, invece, devono accontentarsi di una terapia più veloce e meno faticosa, che però si limita a tamponare i danni.

In Italia sono tantissimi i giovanissimi appassionati di videogames: i bambini e gli adolescenti che usano il pc sono quasi tre milioni e il 71% delle famiglie con almeno un minorenne possiede un computer.

In Giappone, invece, non sembra un problema molto sentito: per i giocatori più accaniti sono state addirittura studiate delle pastiglie per recuperare le energie perse videogiocando! 

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: