Mosquito, scaccia-giovani o suoneria a prova di adulto? In entrambi i casi danneggia l'udito

bimbe%20cell.jpg
Un sibilo fastidioso, ma solo per i ragazzi. E per questo usato come scaccia-giovani nei posti dove questi non sono graditi.

Molti negozi, hotel, ristoranti e abitazioni di Gran Bretagna, Olanda, Francia e Svizzera si sono già procurati il cosiddetto Mosquito; a Ginevra il dispositivo è stato addirittura usato per tenere lontani i writers dai muri del municipio.

Il suo funzionamento è semplice: si tratta di un fischio prolungato ad alta frequenza, quasi un ultrasuono, che può essere sentito quasi esclusivamente dai giovani, il cui udito riesce a captare anche le frequenze più alte, a differenza di quello degli adulti. Il suono raggiunge i 17 mila hertz di frequenza, un livello spesso non più percepibile già a 25 anni. (Foto tratta da Flickr, Tin Green)

Ma lo strumento sembra essere pericoloso ed è ora al centro delle polemiche: molti medici ritengono che il Mosquito possa provocare lesioni all'udito, soprattutto nel caso di una esposizione prolungata. Alcuni genitori lo hanno addirittura paragonato ad uno strumento di tortura a distanza. 

Il caso è stato sollevato da un episodio accaduto a Liegi: il suono emesso da uno di questi apparecchi, installato davanti ad una banca, raggiungeva anche una fermata di bus, colpendo tutti i ragazzi e i bambini presenti. Uno di loro è tornato a casa stordito e con un forte mal di testa.

Ma a rischio non c'è solo la salute dei ragazzi: “C'è anche la questione di principio che interessa la libertà di circolazione di giovani e bambini – dice Marc Tarabella, ministro per la Gioventù in Belgio -  per questo è necessario fare il possibile per vietare la commercializzazione e utilizzazione dell'apparecchio. Se ci sono dei gruppi di adolescenti che creano problemi, la risposta deve essere data da polizia e servizi sociali, non da un uso perverso della tecnologia”.

Spesso, però, sono i ragazzi stessi a farne uso, senza nessuna preoccupazione per i loro timpani.

Molti di loro, infatti, usano il fastidioso ronzio come suoneria per il cellulare perché i professori non lo sentano squillare in classe. Ma il sistema non è infallibile: se l'insegnante è giovane o dotato di un ottimo udito riuscirà a sentire perfettamente la suoneria.

Repubblica.it ha pubblicato un test. Fino a che frequenza riuscite a sentire?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: