Coronavirus

Il Coronavirus è un tipo di virus a RNA che appartiene alla sottofamiglia Orthocoronavirinae, della famiglia Coronaviridae, del sottordine Cornidovirineae, dell'ordine Nidovirales. Sono chiamati così per la loro forma a corona. Sono virus che causano malattie nei mammiferi e negli uccelli. Nell'uomo possono provocare infezioni respiratorie di solito non gravi, ma raramente possono essere la causa scatenante di polmoniti e bronchiti che possono anche essere fatali.

Sintomi del Coronavirus

I sintomi del Coronavirus sono facilmente scambiabili con quelli di un'influenza o di un'altra infezione respiratoria, per questo la diagnosi non è facile. febbre, tosse, difficoltà a respirare sono i sintomi più comuni, che non compaiono però in tutti i casi accertati. Nei pazienti in condizioni più gradi si possono notare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale. E la malattia può anche portare alla morte.

Trasmissione e prevenzione del Coronavirus

Alcuni Coronavirus possono essere trasmessi da essere umano a essere umano, per stretto contatto. Per questo le buone norme della prevenzione andrebbero sempre rispettate: lavarsi bene le mani, coprirsi bocca e naso con un fazzoletto quando si tossisce o starnutisce, evitare il contatto con persone che manifestano febbre e tosse (indossando eventualmente mascherine adatte), evitare luoghi affollati. E bisognerebbe anche evitare di mangiare carne cruda o poco cotta. Regole di prevenzione che vanno rispettate a maggior ragione perché non esiste ancora un vaccino per il Coronavirus e non esiste una cura per la malattia provocata da questi virus. Il trattamento si basa solo sui sintomi.

Epidemie di Coronavirus

Fino a oggi ci sono state tre grandi epidemie di Coronavirus che hanno destato la preoccupazione internazionale.

La prima è l'epidemia di Sars (Severe acute respiratory syndrome) o sindrome respiratoria acuta grave apparsa per la prima volta nel novembre 2002 nella provincia del Guangdong (Canton) in Cina e provocata dal virus SARS-CoV. La malattia, identificata da un medico italiano, Carlo Urbani, è mortale nel 15% dei casi.

La seconda è l'epidemia di MERS (Middle East Respiratory Syndrome) o sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus, provocata da un virus simile a quello della SARS, il MERS-CoV, ma con maggiore mortalità. Il primo caso è stato segnalato da un virologo egiziano nel settembre del 2012. Al 30 aprile 2014 sono stati registrati in tutto il mondo 424 casi, 131 fatali. A giugno 2003 i casi segnalati di SARS nel mondo erano 8465, con 801 morti accertati.

La terza e ultima in ordine di tempo è il nuovo Coronavirus identificato in Cina a fine 2019, il 2019-nCoV. In questo caso un primo focolaio è partito dalla città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei. Il primo caso è stato segnalato il 31 dicembre 2019 Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) all’OMS. L'annuncio dell'identificazione di un nuovo coronavirus (2019-nCoV) è stato fatto il 9 gennaio 2020 dal Centro per il controllo delle malattie (CDC) cinese. La sequenza genomica è stata resa pubblica. Molti i casi in Cina, ma anche fuori dal paese. L'OMS considera molto alto il rischio nel paese di origine, mentre fuori il rischio è alto a livello regionale e globale.

A livello internazionale sono scattate le misure di sicurezza, con controlli serrati negli aeroporti per chiunque arrivi dalle zone oggetto dell'epidemia. Anche in Italia è stato approntato un sistema di gestione dell'emergenza. Si prevede il rimpatrio degli italiani che vivono nelle zone colpite, con aereo speciale equipaggiato appositamente per evitare il contagio. E una volta in Italia saranno tutti messi in quarantena per 14 giorni.

Coronavirus, che fine ha fatto l'app Immuni?

Che fine ha fatto l'app Immuni che avremmo dovuto usare nella Fase 2? Potrebbe essere pronta a breve. Continua...

Assistenti civici per il distanziamento sociale, chi sono

La Protezione Civile arruola assistenti civici per garantire il distanziamento sociale: quale sarà il loro compito? Continua...

Coronavirus, in Svezia il più alto tasso di mortalità in Europa

Secondo gli ultimi dati resi noti sul Coronavirus, la Svezia in Europa ha il più alto tasso di mortalit Continua...

I benefici della telemedicina durante la pandemia di Covid-19

Un nuovo studio spiega quali sono i benefici della telemedicina per i pazienti diabetici durante la pandemia di... Continua...

Stefano Ruffo, direttore Sissa: Coronavirus, serve la strategia delle tre T

Stefano Ruffo, direttore Sissa, sostiene che l'app non basta se non viene applicata la strategia delle tre T. Continua...

Cos'è l'idrossiclorochina e perché Donald Trump la prende

Per difendersi dal COVID-19, il Presidente americano Donald Trump, ha ammesso di assumere Idrossiclorochina. Ma il... Continua...

Emergenza Covid-19 e medicina narrativa, nasce il progetto R-Esistere

La medicina narrativa nell'emergenza Covid-19: ecco cosa prevede il nuovo progetto R-Esistere. Continua...

Coronavirus, il virus non si è indebolito

I virologi in merito al nuovo Coronavirus avvertono che non è vero che s sia indebolito. Continua...

Mascherine a prezzo calmierato, per Federfarma si è agito tardi

Le mascherine a prezzi bassi? Federfarma afferma che si è agito troppo tardi per abbassare i costi. Continua...

Covid-19, terapia con il plasma: come funziona? L'intervista all'infettivologa

Come funziona la terapia con il plasma contro Covid-19? La nostra intervista all'infettivologa. Continua...