La speranza per il diabete arriva dal computer