Il futuro della nostra lingua è affidato ai robot