Sindrome dell'Affaticamento Cronico: scopriamo cos'è

Cos'è la Sindrome dell'Affaticamento Cronico? Si manifesta con uno stato di debolezza generale, di stanchezza non solo fisica ma anche mentale. In questi casi viene consigliato di stare a riposo, di diminuire la frenesia della routine quotidiana, di allentare i ritmi.

cfs.jpg

Se la fatica persiste e a questa si aggiungono altri disturbi, quali mal di gola, dolori alle ghiandole del collo e delle ascelle, dolori muscolari, febbriciattola, mal di testa, sonno inquieto, disturbi della memoria e della concentrazione, allora è meglio rivolgersi ad un centro specialistico, perché potrebbe trattarsi di questa sindrome.

È facile immaginare che una simile condizione di salute cambia radicalmente la vita a chi la subisce, che sperimenta una serie di rinunce e privazioni. A causa di questa frustrante stanchezza, i soggetti affetti dalla CFS cominciano ad uscire il minimo indispensabile, perché tutto diventa faticoso e col tempo i pazienti restano completamente isolati.

Si perdono gli amici, spesso la stessa famiglia non riesce a comprendere questa nuova vita al rallentatore, e spesso si viene allontanati anche dal posto di lavoro. I malati di CFS, estremamente provati anche sotto l'aspetto psicologico, non sono tutelati in nessun modo, anzi sono completamente abbandonati dalle istituzioni pubbliche.

Muedigkeit_B180.jpgAnche se la Sindrome dell'Affaticamento Cronico è stata classificata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, non è ancora stata dichiarata patologia grave, cronica e invalidante, dunque non ha diritto allo stato di invalidità civile, né all'esenzione di ticket per la spesa sanitaria. Questo nonostante varie interrogazioni parlamentari e nonostante tante richieste e tanti appelli.

La CFS è stata riscontrata in tutto il mondo e colpisce più comunemente giovani e donne, mentre è quasi assente negli anziani. Ancora non si conoscono le cause e non esistono trattamenti specifici ma tentativi di cure. Una prevenzione tempestiva è fondamentale, in alcuni tende a regredire  ma vi sono alcuni casi in cui purtroppo il peggioramento è inarrestabile.

In questa giornata, dedicata ai malati di CFS, vorremmo sensibilizzare la conoscenza di questa malattia e comprendere l'urgenza di aiutare le persone meno fortunate che ne soffrono, ma non per questo meno meritevoli di vivere una vita dignitosa.

Per avere ulteriori informazioni ed individuare i centri di diagnosi in Italia, visita il sito www.cfsitalia.it.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: