Xanax: cos'è, a cosa serve, controindicazioni

Che cos'è lo Xanax e a cosa serve? Ecco quando prenderlo e le controindicazioni e gli effetti collaterali da non sottovalutare.

Xanax

Lo Xanax è un farmaco che di solito si usa per curare ansia e disturbi da panico. Va esclusivamente utilizzato sotto prescrizione medica, non è assolutamente un medicinale da prendere alla leggera.

Xanax è il nome commerciale dell'alprazolam, un ansiolitico benzodiazepinico che agisce velocemente. Le sue proprietà sono numerose: è utile come ansiolitico, svolge azioni sedativa e ipnotica, ma è anche un farmaco rilassante per i muscoli. Inoltre è un medicinale dagli effetti anticonvulsivante e amnesico.

Il farmaco agisce molto velocemente. I primi effetti si hanno già dopo un'ora. Può essere un farmaco da usare non a lungo termine, anche se per agire in profondità la terapia può durare anche una settimana per avere risultati soddisfacenti. Lo Xanax è in vendita sotto forma di gocce: 10 gocce contengono 0.25 milligrammi di principio attivo. In commercio si trova anche in compresse a rilascio normale o a rilascio prolungato. Si può anche utilizzare il farmaco equivalente e generico.

A cosa serve e quando prenderlo


Lo Xanax, in Italia, si usa e si prende in diversi situazioni:


  • Ansia

  • Tensione

  • Sindrome ansiosa

  • Attacchi di panico

  • Agorafobia


Lo Xanax si usa nel caso in cui disturbi e sintomi sono gravi e invalidanti. Il dosaggio è stabilito, ovviamente, dal medico: bisogna seguire scrupolosamente le sue indicazioni. Di norma si inizia con una compressa da 0.25 o 0.5 tre volte al giorno. E si può aumentare gradualmente la dose, per un massimo di 3 milligrammi al giorno. Non si usa a lungo termine. Di solito si può assumere per non più di 12 settimane.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Come ogni farmaco, anche lo Xanax ha diversi effetti collaterali. I più comuni sono sonnolenza e sedazione. Ma si può anche provare mal di testa, cefalea, stanchezza, vertigini, secchezza della bocca, irritabilità, difficoltà a concentrarsi, nausea, costipazione, cambiamenti del peso, inappetenza o maggiore appetito, difficoltà a minzionare, dolori delle articolazioni, salivazione eccessiva, cambiamenti nell'umore. Meglio contattare un medico in questi casi. Non mancano poi possibili effetti collaterali gravi, che però sono molto rari, come convulsioni, allucinazioni, ittero, depressione, problemi di memoria, problemi a parlare, pensieri suicidari, difficoltà di coordinamento, confusione, eruzioni cutanee, stanchezza estrema.

Lo Canax compresse a rilascio prolungato è controindicato in chi ha mostrato ipersensibilità alle benzodiazepine, all'alprazolam o a uno degli eccipienti presenti, in pazienti affetti da glaucoma acuto ad angolo chiuso, insufficienza respiratoria grave, insufficienza epatica grave, miastenia grave, sindrome da apnea notturna. Non si potrebbe nemmeno usare nei primi tre mesi di gravidanza e in allattamento.

Foto Pinterest

  • shares
  • Mail