Televisione in camera da letto: si o no?

La televisione nella camera dei bambini può danneggiare il loro sviluppo? La risposta arriva da un nuovo studio.

Televisione in camera da letto

La televisione nella cameretta dei nostri bambini può danneggiare il loro sviluppo? In passato, diversi studi hanno già dimostrato che trascorrere troppo tempo davanti TV priva il bambino di attività di sviluppo più valide e maggiormente in grado di arricchirlo, e potrebbe anche essere collegato a una massa corporea meno sana, allo sviluppo di cattive abitudini alimentari e a maggiori difficoltà socio-emotive in adolescenza.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Pediatric Research rivela adesso che lasciare la tv nella cameretta dei propri figli può ulteriormente peggiorare la situazione.

Intuitivamente, i genitori sanno che il modo in cui i loro figli trascorrono il loro tempo libero inciderà sul loro benessere a lungo termine. E visto che la TV è il loro passatempo più comune, è chiaro che le molte ore trascorse di fronte allo schermo hanno un effetto sulla loro crescita e sullo sviluppo, specialmente se la TV si trova in un luogo privato come la camera da letto.

La Televisione devia l’attenzione dei bambini, che in tal modo rischiano di non avere abbastanza interazioni fisiche e sociali, e di non avere un corretto sviluppo fisico e socio-emotivo. Per verificare questa ipotesi, gli esperti hanno seguito un campione di bambini, in modo da esaminare l'esistenza di un legame tra avere una TV in camera a 4 anni, durante il periodo prescolastico critico dello sviluppo neurologico, e successivi problemi fisici, mentali e sociali nella prima adolescenza.

Dallo studio condotto su 1.859 bambini è emerso che avere una TV in camera da letto all'età di 4 anni aumenta le possibilità che il bambino abbia, in seguito, un indice di massa corporea significativamente più elevato, abitudini alimentari malsane, bassi livelli di socialità e livelli più elevati di disagio emotivo, sintomi depressivi, vittimizzazione e aggressione fisica, e tutto ciò indipendentemente dai fattori individuali e familiari che potrebbero predisporli a tali problemi.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • +1
  • Mail