Influenza 2019, frenata delle infezioni dopo il picco di settimana scorsa

La grande epidemia di influenza sembra star rallentando: sono diminuiti i casi, soprattutto tra i bambini con meno di 5 anni.

Allergia alla nicotina sintomi

La grande ondata di influenza sembra essere in calo. Secondo il bollettino Influnet, il picco è stato raggiunto e nell’ultima settima ci sono stati un numero ridotto di casi. Il numero di è pari a circa 771.000, per un totale dall’inizio della sorveglianza di circa 5.276.000 di persone colpite.

Lombardia, Umbria, Marche e Abruzzo sono state le Regioni maggiormente colpite, mentre il valore dell’incidenza totale è stato pari a 12,75 casi per mille assistiti. Più nel dettaglio, nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è pari a 36,17 casi per mille assistiti, che sale fra 5-14 anni a 20,68, per poi scendere fra 15-64 anni a 11,49 e tra gli over 65 anni a 5,06 casi per mille assistiti.

Saranno felici i genitori, che finalmente potranno prendere un po’ di respiro, ma il calo più sensibile si è registrato fra i bimbi sotto i cinque anni. È importante, comunque, ora fare attenzione ai cambi repentini di temperatura, perché come sappiamo marzo (pazzerello) porta con sé un clima molto variabile, le famigerate allergie e, sempre per i bambini, le tradizionali malattie esantematiche.

  • shares
  • +1
  • Mail