E' morto Riccardo Giacconi, Nobel per la Fisica e padre dell'astronomia a raggi X

È morto il fisico Riccardo Giacconi, noto anche come il padre dell’astronomia a Raggi x.

Riccardo Giacconi

Si è spento a San Diego in California, all’età di 87 anni, Riccardo Giacconi, illustre fisico che ha ottenuto un premio Nobel nel 2002, e che è conosciuto anche come il padre dell’astronomia a Raggi X. Giacconi ha diretto l’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso) dal 1993 fino al 1999, ed ha mostrato al mondo il lato inaspettatamente violento dello Spazio, un lato fatto di stelle cannibali, di buchi neri e di grandi esplosioni.

Nato a Genova nel 1931, lo scienziato si è laureato in fisica a Milano nel 1954, presso la scuola di Giuseppe Occhialini, famoso maestro per quanto riguarda le ricerche sui raggi cosmici. I suoi studi lo hanno appunto portato a specializzarsi nella stessa ricerca, quella sui raggi cosmici finché, nel 1956, ha deciso di lasciare l'Italia per trasferirsi negli Stati Uniti, dove ha proseguito le sue ricerche, apportando un grande contributo al mondo dell’astronomia a Raggi X, che si pone l'obiettivo di indagare tutti i tipi di stelle collassate, resti di stelle e galassie.

All’Osservatorio australe europeo, Giacconi ha anche guidato la realizzazione del VLT (Very Large Telescope), ovvero un telescopio caratterizzato da un’ottica in grado di correggere in tempo reale la deformazione delle immagini causata da specchi o dalla turbolenza atmosferica.

Proprio questo gruppo di telescopi sarà il punto di partenza per la realizzazione di un supertelescopio di 39 metri attualmente in costruzione, la cui inaugurazione è prevista per il 2024.

via | Ansa, La Stampa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail