Prescrizioni di farmaci inefficaci? La colpa è di alcune ricerche scientifiche

Un nuovo studio rivela che spesso assumiamo farmaci inefficaci, e la colpa potrebbe essere di alcune ricerche scientifiche.

farmaci inefficaci

Un nuovo studio condotto dai membri della McGill University e pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine ha rivelato che alcuni studi clinici possono promuovere l'uso di trattamenti farmacologici inefficaci e costosi. Questo rappresenta l'opposto di ciò che gli studi clinici dovrebbero voler ottenere, vale a dire prevenire l’adozione di trattamenti inefficaci e costosi da parte di medici e pazienti.

Per il loro studio, i ricercatori si sono focalizzati sul pregabalin, uno dei farmaci antidolorifici più venduti al mondo, ampiamente usato per condizioni che non sono state approvate dalla Health Canada né dalla FDA.

Gli esperti hanno scoperto che dopo che il pregabalin ha ricevuto la sua prima approvazione, ricerche successive hanno creato la percezione che questo farmaco potesse funzionare contro altre malattie, percezione non adeguatamente avvalorata o confermata da studi più ampi. Ad esempio, hanno scoperto che nonostante fosse trascorso quasi un decennio dalla pubblicazione di un piccolo studio che suggerisce che il pregabalin potrebbe funzionare per alleviare i sintomi della lombalgia, non sono stati pubblicati successivi studi rigorosi e con follow-up di grandi dimensioni.

Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che i problemi che documentiamo sono in parte attribuibili a ricercatori che ricevono finanziamenti da agenzie di ricerca federali e/o dai centri medici

spiegano gli esperti, i quali ribadiscono che questo problema incoraggia l'uso di trattamenti che potrebbero non essere efficaci.

Il nostro obiettivo non è condannare questi processi individuali, ma stiamo dicendo che quando ti avvicini e osservi quello che succede a livello della foresta, gli alberi cominciano a sembrare meno sani.

via | ScienceDaily
Foto da iStock

  • shares
  • +1
  • Mail