Psicologia: adolescenti sempre più connessi, ma anche più scollegati

I giovani di oggi sono sempre più connessi, ma anche sempre più disconnessi. Ecco cosa rivela l’esperto.

Adolescenti cellulare

Facebook, Twitter, Instagram, Telegram, e l’immancabile Whatsapp. È qui che i giovani di oggi vivono e si connettono ogni giorno con i loro amici e conoscenti. Un mondo virtuale che, però, vede gli adolescenti e i giovani sempre più scollegati dal loro prossimo. A spiegarlo è stato Domenico Barrilà, autore del libro "I superconnessi, come la tecnologia influenza le menti dei nostri ragazzi e il nostro rapporto con loro", che in un’intervista rilasciata all'ANSA ha sottolineato che il problema non è causato esclusivamente dai giovani, ma anche e soprattutto dai loro genitori e da noi adulti in generale.

Sono infatti gli stessi adulti ad essere quasi sempre incollati ai loro dispositivi digitali, e a perdere quindi la loro credibilità, quando cercano di correggere questo comportamento nei loro figli. Del resto si sa, i figli imparano dai genitori osservando i loro comportamenti, più che ascoltando le loro parole.

È impossibile portarli dove noi stessi non sappiamo arrivare, dunque un genitore che utilizzi in modo immaturo gli strumenti digitali perde autorevolezza e lede le sue chance di correggere i figli.

L’esperto aggiunge che non bisogna mettere sotto accusa tecnologia e social network, quanto piuttosto la sempre più dilagante incapacità di comunicare con i figli.

I giovani nell'ansia di voler essere costantemente 'connessi', trasferiscono il bisogno di "legami". Quindi più che mettere sotto accusa le nuove tecnologie, dovremmo preoccuparci di munire i figli di solidi sentimenti comunitari".

via | Ansa
Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail