InOMN 2018: la Notte della Luna con i consigli della NASA per ammirarla

Stanotte tutti con lo sguardo in direzione della Luna, in occasione della Observe the Moon Night, arrivata alla sua ottava edizione

Notte della luna

Arrivata alla sua ottava edizione, l'International Observer the Moon Night o InOMN quest'anno ha qualcosa in più da celebrare. La Notte della Luna 2018 infatti cade nel 50esimo anniversario dal lancio dell'Apollo 7 in orbita intorno alla Terra, ma anticipa anche il cinquantenario dal lancio dell'Apollo 8, che orbitò dal 21 al 27 dicembre 1968 intorno al nostro astro.

In occasione dell'InOMN 2018 di stasera, 20 ottobre, la NASA ha voluto stilare una lista di consigli per approfittare della splendida visuale della Luna. L'evento infatti cambia data ogni anno in modo da coincidere con la fase fra la la luna nuova e la luna piena, quando l'astro è semi illuminato e si può apprezzare meglio la sua superficie.

Sono 10 i suggerimenti per non lasciarsi scappare la Moon Night e ammirare il nostro satellite sia ad occhio nudo, sia grazie alla sempre utile tecnologia:


  1. Sguardo puntato verso il cielo - Il modo più semplice per osservare la Luna è semplicemente guardare in alto. La Luna è l'oggetto più luminoso nel nostro cielo notturno e il secondo più luminoso di quello diurno, si può vedere da ogni angolo del globo e il 20 ottobre, il lato rivolto verso la Terra sarà illuminato per circa l'80%, a partire dalla prima serata.

  2. Osservazione attraverso binocoli e telescopi - Con questi validi aiuti, che permettono di ingrandire la superficie della luna, sarà possibile concentrarsi sul Mare della Tranquillità o sul Cratere di Copernico, oltre che su altre zone normalmente difficili da apprezzare. A tal proposito la NASA ha messo a disposizione una mappa lunare per come sarà visibile dall'emisfero settentrionale e meridionale.

  3. Fotografie della Luna - Se si volesse fotografare il meraviglioso satellite terrestre, sempre la NASA dà degli ottimi suggerimenti su come immortalarlo al meglio, da veri professionisti.

  4. Le mappe lunari interattive - Se si volesse approfittare della rete per un'escursione virtuale sulla luna, c'è la mappa interattiva Moontrek, che permette di spostarsi ovunque sulla superficie lunare, calcolare distanze da un punto ad un altro o l'altezza di un rilievo, come anche le temperature di ogni zona.

  5. La stampa 3D della luna - Se si ha a disposizione una stampante tridimensionale, la NASA mette a disposizione i suoi modelli 3D e paesaggi lunari, pronti per essere tradotti in una stampa realistica della superficie lunare.

  6. L'arte lunare - La notte della luna è un'esperienza anche per i bambini. Per una serata educativa e creativa, la NASA suggerisce il sito Marvel Moon, dove copiare progetti artistici per far divertire i più piccoli.

  7. Video e film - La notte della luna si può anche trasformare in una serata cinema. La NASA suggerisce film come A Voyage to the Moon di George Melies o Apollo 13, ma anche la sua personale playlist su YouTube, che comprende clip dedicate alle eclissi e alle fasi lunari.

  8. Musica - Ebbene sì, la NASA ha voluto strafare per questa notte della luna, suggerendo anche la giusta musica per accompagnarla. L'Agenzia Spaziale americana consiglia il video musicale ufficiale di LRO, The Moon and More, con Javier Colon, vincitore della stagione 1 di "The Voice" della NBC. Oppure il grande classico Clair de Lune, del compositore francese Claude Debussy.

  9. Le missioni spaziali - Non poteva mancare anche il consiglio della NASA che profuma di storia. In una pagina dedicata alle missioni spaziali lunari, ci si può fare una cultura su tutto quello che ha fatto l'uomo per conoscere meglio il suo satellite naturale, a partire dagli anni 50 fino ai giorni nostri.

  10. La luna durante l'anno - L'InOMN è un'occasione per vedere bene la luna, ma durante l'anno vale la pena osservare il nostro astro solido per interpretarne le variazioni, vedere come cambia nell'arco di un mese e valutare quando si solleva in cielo e tramonta.

Se nella vostra zona ci sono osservatori astronomici, vale la pena dare un colpo di telefono per prenotare una vista del cielo notturno dal vivo da una posizione privilegiata. Anche in Italia la Notte della Luna brilla per eventi.

Da non dimenticare anche l'hashtag ufficiale dell'evento, che è #ObserveTheMoon. Così da condividere sui social la propria esperienza o sbirciare le foto scattate dalla rete.

Via | NASA
Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail