Università: una matricola su tre soffre di problemi psicologici

Uno studente universitario su tre soffre di disturbi psicologici. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Matricole disturbi psicologici

Una matricola su tre soffre di disturbi psicologici. Questo è ciò che emerge da una ricerca pubblicata dall'American Psychological Association, i cui autori spiegano che più di un terzo degli studenti universitari del primo anno riporta sintomi compatibili con un disturbo di salute mentale.

Per il loro studio, gli esperti hanno arruolato un campione di 14.000 studenti provenienti da 19 college di otto diversi Paesi (Australia, Belgio, Germania, Messico, Irlanda del Nord, Sudafrica, Spagna e Stati Uniti), i quali hanno risposto a questionari per valutare disturbi mentali comuni, tra cui depressione maggiore, disturbo d'ansia generalizzato e panico.

I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Abnormal Psychology.

I ricercatori hanno scoperto che il 35% degli intervistati ha riferito di aver sofferto di sintomi coerenti con almeno un disturbo di salute mentale, come definito dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali. Il disturbo depressivo maggiore è risultato quello più comune, seguito dal disturbo d'ansia generalizzato.

La scoperta che un terzo degli studenti provenienti da più Paesi sia risultato positivo per almeno uno dei disturbi mentali rappresenta un problema chiave per la salute mentale globale. Gli strumenti clinici basati su Internet possono essere utili nel fornire cure agli studenti meno inclini a usufruire dei servizi offerti dal campus o che aspettano di sottoporsi a una visita.

Gli esperti spiegano che ricerche future dovrebbero concentrarsi sull'individuazione degli interventi che funzionano meglio per il trattamento di disturbi specifici. Ad esempio, alcuni tipi di depressione o ansia potrebbero essere curati anche attraverso degli interventi on line, mentre per altre problematiche, come l'uso di sostanze, potrebbe essere più utile richiedere un trattamento di persona con uno psicologo o un altro professionista della salute mentale.

Spetta a noi pensare a dei modi innovativi per ridurre lo stigma e aumentare l'accesso a strumenti che possono aiutare gli studenti a gestire meglio lo stress.

via | ScienceDaily

Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail