Alzheimer: parte la campagna che invita a condividere la propria esperienza

L’Alzheimer è una malattia che fa paura. Il gruppo Korian invita i familiari dei malati a condividere la loro esperienza, per spezzare l’indifferenza.

L’Alzheimer è una malattia che fa paura, una condizione che colpisce uomini e donne in maniera indiscriminata, e per la quale non esiste ancora una cura. Pochi giorni fa, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer (tenutasi il 21 settembre), il Gruppo Korian ha promosso una campagna di sensibilizzazione nazionale davvero interessante, una campagna rivolta ai familiari delle persone malate di Alzheimer.

A queste persone, il gruppo Korian chiede di raccontare la malattia, di parlare delle esperienze che hanno coinvolto loro e il loro parente che si è ammalato di Alzheimer.

Un modo importante, quello pensato dal gruppo, per spezzare l’indifferenza. Fino al 21 ottobre i familiari dei malati potranno raccontare la loro esperienza all’interno delle strutture Korian e sul sito web www.spezzalindifferenza.it.

In questo spazio protetto potrete parlare di come era la persona a voi cara prima che si ammalasse, potrete descriverla, ricordarla, e potrete spiegare come l’avete vista cambiare a causa della malattia, potrete condividere i vostri ricordi preziosi, che potranno anche essere arricchiti dalle foto scattate con Polaroid che ritrarranno i pazienti insieme ai loro cari. Dopo averlo fatto (mia nonna ha sofferto di Alzheimer per molti anni, prima di lasciarci), posso assicurarvi che vi sentirete più compresi, e potreste comprendere anche degli aspetti e dettagli che prima forse non avevate compreso fino in fondo.

Inoltre, gli esperti fanno sapere che in ogni struttura verranno selezionati i cinque racconti più significativi, che saranno poi inseriti in una rubrica del portale Spezzalindifferenza.it.

Alzheimer

via | Agi
Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 10 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail