Virus West Nile: muore una donna a Padova, è la quinta vittima in Veneto

È morta una donna a Padova, la quinta vittima in Veneto, per la Febbre del Nilo. Questa è la Regione più colpita d’Italia.

zanzara geneticamente modificata malaria

Un altro morto a causa del virus del Nilo in Veneto. Si tratta della quinta persona che muore dopo essere stata punta della zanzara culex e aver contratto il virus West Nile. È un triste primato per questa Regione che conta 5 decessi su 9 a libello nazionale. La vittima è una donna, molto anziana (91 anni), con patologie pregresse.

Secondo il bellettino della Regione Veneto i casi confermati di infezione nell’uomo dal virus West Nile, sono 105, dei quali 34 evoluti nella forma neuroinvasiva, con 5 decessi, tutti avvenuti in persone anziane o con gravi patologie pregresse. Dal punto di vista statistico, la provincia con più casi è Padova (43 totali, con 34 forme febbrili e 9 neuroinvasive), seguita da Rovigo (24 totali, 16-8), Verona (17 totali, 9-8), Venezia (15 totali, 8-7), Treviso (3 totali, 2-1) e Vicenza (3 totali, 2-1).

Purtroppo i casi sono in costante crescita (da considerare anche tutte le forme non diagnosticate perché silenti). Il messaggero riporta il commento dell’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto

«Siamo di fronte a una situazione impegnativa ma che non deve destare allarme, con un centinaio di casi confermati su una popolazione di circa cinque milioni di abitanti. Gli scienziati fanno notare che si tratta in realtà di un virus dalle conseguenze limitate, tanto da essere asintomatico nell’80% dei casi e solo in meno dell’1% capace di evolvere nella forma neuroinvasiva. È in questo quadro che vanno collocati, con dolore, i decessi purtroppo avvenuti in soggetti in età molto avanzata o con condizioni cliniche pregresse gravi».

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail