Roberto Burioni contro la ministra Grillo: “Al primo morto di morbillo sarà sbranata”

Roberto Burioni si lancia contro la ministra Grillo per il rinvio dell’obbligo vaccinale e l’avvisa di fare attenzione: l’opinione pubblica non perdona.

vaccini

Il rinvio dell’obbligo dei vaccini non è stato ben accolto dall’ordine dei medici e il famoso virologo, professore di microbiologia e virologia all'università "Vita-salute" san Raffaele di Milano, Roberto Burioni, non si è lasciato sfuggire l’occasione di attaccare i senatori che hanno votato l’emendamento e la ministra della Salute, Giulia Grillo:

“Un obbligo flessibile nel tempo e nello spazio”, ma lei, ministro, è un medico o una poetessa? Smetta di dire circonvolute nullità e faccia ritirare questo vergognoso emendamento o passerà alla storia, e al primo morto di morbillo sarà giustamente sbranata dall’opinione pubblica”.

Della stessa opinione anche la Federazione nazionale degli ordini dei medici che per voce del presidente Filippo Anelli ha dichiarato:

“Lanciamo un appello al parlamento perché rispetti la scienza. L'emendamento non risponde all'evidenza scientifica circa la necessità delle vaccinazioni".

Burioni che su Facebook combatte una sua personale battaglia contro i no vax ha risposto anche alla mamma che attraverso Facebook gli ha augurato di affogare con un semplice “squadrismo”.

"Ho saputo che vai al mare al n... prego di non incontrarti e in cuor mio spero che affoghi! Per ogni lacrima versata, per ogni notte insonne, per ogni discriminazione, per ogni ora tolta ai nostri figli dietro questa guerra... il mio più sonoro vaff!".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail