Florida, è allarme larve di medusa: attenzione (anche in Italia) alla dermatite del bagnante

Le spiagge della Florida issano bandiera viola, ma la dermatite del bagnante non è appannaggio solo dei cugini d'Oltreoceano

Dermatite del bagnante

In questi giorni le spiagge della Florida, come la celebre Pensacola Beach, hanno issato bandiera viola, colore che identifica la presenza di fauna marina pericolosa. L'allarme è legato alle larve di medusa, che stanno generando panico e una serie di reazioni dermatologiche di una certa importanza fra i turisti.

Questi organismi generano una forma di dermatite del bagnante, condizione che non interessa solo i fruitori dei mari d'Oltreoceano, ma può toccare proprio tutti, anche qui in Italia. Di che si tratta? Di una dermatite da contatto, in particolare di un rash cutaneo pruriginoso, di entità variabile, che si verifica a causa di larve di parassiti o, come nel caso americano, di meduse, che rilasciano sostanze urticanti.

I sintomi possono comparire anche a distanza di 24 ore dal contatto, ma potrebbero essere anche precoci e verificarsi già mentre si è in ammollo in acque infestate, sia di mare sia di lago. I sintomi da tenere sotto controllo sono sia di tipo cutaneo, sia di salute generale e comprendono:

  • Rossore

  • Vescicole

  • Prurito

  • Mal di testa

  • Nausea e vomito

  • Diarrea

  • Febbre alta (soprattutto nei bambini)

La sintomatologia in genere scompare da sola nel giro di pochi giorni, ma in alcuni casi può accompagnarci anche per un paio di settimane. La cura è generalmente a base di antistaminico per via orale e pomate a base di cortisone per il trattamento locale.

Posto che in genere le autorità, appena sono coscienti del problema, allertano i bagnanti, c'è qualche piccolo escamotage per limitare il problema. Tanto per cominciare è bene preferire costumi da bagno monopezzo aderenti, in quanto le larve difficilmente si aggrappano alla pelle, piuttosto si insinuano negli indumenti e rilasciano le sostanze allergizzanti solo se compresse.

L'utilizzo delle protezioni solari pare anche scoraggiare il contatto con la pelle. Una volta usciti fuori dall'acqua, è poi bene togliere il costume e lavarlo con acqua e sapone, facendolo asciugare al sole. Facciamo anche noi una doccia per lavare via eventuali ospiti indesiderati dalla nostra pelle.

Le aree più problematiche sono certamente pube e capelli, dove gli sciacqui devono essere più profondi.

Foto | iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO