Psicologia dello shopping: ecco perchè non volete parlare dei vostri acquisti

Esiste un caso in cui non ci piace “vantarci” di ciò che acquistiamo quando andiamo a fare shopping. Ecco cosa spiegano gli esperti.

Shopping

Una delle gioie dello shopping, per alcune persone, è senza dubbio la possibilità di “vantarsi” dei propri acquisti con gli amici e altre persone, ma una nuova ricerca ha fatto emergere un dato interessante: esiste una situazione comune in cui le persone preferiscono non parlare di ciò che hanno appena acquistato, ovvero quando ritengono di avere poco denaro. In una serie di studi, i ricercatori hanno scoperto che i consumatori che sentivano di essere “finanziariamente limitati” non volevano parlare dei propri acquisti, grandi o piccoli che fossero, con amici o estranei, faccia a faccia o persino online.


Non si trattava di ciò che le altre persone avrebbero potuto pensare o di ciò che avevano acquistato. I consumatori che si sentono poveri non vogliono parlare dei loro acquisti perché ciò potrebbe rafforzare i sentimenti negativi legati allo stato finanziario.

Lo studio, condotto dai membri della Ohio State University e pubblicato sul Journal of Consumer Research, ha preso in esame ben 7 diversi scenari, dai quali è emerso chiaramente che le persone che si sentivano finanziariamente limitate erano meno propense a parlare di prodotti acquistati, perché ritenevano che potesse essere meno piacevole o divertente parlare dei loro acquisti, dal momento che avrebbe suscitato sentimenti negativi per via della loro situazione monetaria.

Esiste però un’eccezione a questo diffuso comportamento. Quando le persone pensavano ai loro acquisti come a spese di tempo, piuttosto che semplici spese di denaro, anche chi riteneva di essere in ristrettezze finanziarie tendeva a parlare più volentieri di ciò che aveva acquistato. Lo stesso vale per regali e biglietti per partecipare ad eventi. Alla luce di ciò, gli esperti ritengono che le campagne di marketing, specialmente quelle basate sul passaparola, dovrebbero tenere in considerazione quanto emerso dal loro studio.

Le campagne di passaparola

spiegano infatti gli autori

saranno più efficaci se i “marketer” separeranno il costo dell'articolo dall'esperienza di condivisione dell'acquisto.

via | ScienceDaily

Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO