Vaccini, Burioni risponde a Salvini: “Non sono inutili e tantomeno dannosi”

L’immunologo Burioni e l’Istituto superiore di sanità hanno spiegato al Ministro Salvini l’importanza dei vaccini, tanto criticati.

Vaccini e autismo non sono collegati

Le parole sull’utilità dei vaccini di Matteo Salvini hanno sollevato una polemica senza precedenti su un tema già delicato e caldo. Stavolta a rispondere a Ministro dell’Interno è stato l’Istituto superiore di Sanità con un comunicato ufficiale.

"Le malattie prevenibili con i vaccini tornerebbero. Anche se un'igiene migliore, il lavaggio delle mani e l'acqua pulita contribuiscono a proteggere dalle malattie infettive, queste malattie si possono diffondere indipendentemente dal livello di igiene".

E non è tutto, perché come sottolinea l’Oms, prevengono malattie mortali come difterite, parotite, morbillo e pertosse e immunizzano meglio delle infezioni naturali, infatti la risposta immune ai vaccini è simile a quella prodotta dall'infezione naturale ma è meno rischiosa.

Durissima la replica dell'immunologo Roberto Burioni:

"No, Ministro Salvini. Dieci vaccini non sono inutili e tantomeno dannosi. Sono gli stessi vaccini che vengono usati con identici tempi e identici modi in tutto il mondo. Sono i dieci vaccini che hanno salvato e salvano, in tutta sicurezza, milioni di vite".

E ha poi proseguito:

"Ministro Salvini, lei ha detto una cosa non rispondente al vero, perché quelli che riporto io sono fatti, suffragati da dati scientifici solidissimi. Quella che ha detto è una bugia, una bugia pericolosissima. E che a dirla - conclude il medico - sia chi ha la responsabilità della sicurezza del mio paese è una cosa che mi preoccupa molto".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 31 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO