La differenza tra anoressia e bulimia

Bulimia e anoressia: ecco le differenze e come vengono curate queste due condizioni

La differenza tra anoressia e bulimia

Bulimia e anoressia sono due tipi di disturbi alimentari. L'anoressia è caratterizzata da delle inappropriate abitudini alimentari e da una drastica riduzione dell'assunzione di cibo, mentre la bulimia è caratterizzata da episodi di binge eating e da un'eliminazione forzata del cibo dal corpo (attraverso sistemi come l'induzione del vomito, l'assunzione di lassativi e così via). Nella nostra società votata alla continua magrezza e all'irraggiungibile ideale di perfezione, molte persone prendono misure drastiche per essere magre. Questo ideale di magrezza ha infatti dato origine a numerosi tipi di disturbi alimentari, fra i quali vi sono appunto anoressia e bulimia, condizioni che interessano sia gli uomini che le donne.

Ma quali sono le differenze fra anoressia e bulimia? Ecco alcune caratteristiche chiave per riconoscere queste due particolari condizioni.

Anoressia

Questo disturbo alimentare è caratterizzato da abitudini alimentari scorrette e da una drastica riduzione dell'assunzione di cibo. Chi soffre di questo problema può essere ossessionato dal desiderio di essere magro, mostra una irrazionale paura di ingrassare e ha una percezione distorta del proprio corpo. Le persone che soffrono di anoressia mangiano generalmente una quantità di cibo a malapena sufficiente per la sopravvivenza, e per questa ragione presentano una perdita di peso drastica. Le persone affette da questa condizione si considerano inoltre grasse o sovrappeso, anche se in realtà sono invece fin troppo sottopeso.

Bulimia

La bulimia nervosa è invece un disturbo alimentare in cui una persona mangia molto (spesso quantità eccessive di cibo in un breve lasso di tempo). Dopo aver mangiato, un bulimico si vergogna e avverte un forte senso di colpa, che lo porta ad eliminare forzatamente il cibo ingerito. Per farlo, potrebbe costringersi a vomitare, o potrebbe assumere un lassativo, un diuretico o uno stimolante, o ancora potrebbe fare molto sport, in modo da bruciare i grassi. Alcuni bulimici arrivano anche a digiunare per un lungo periodo di tempo.

Sia l'anoressia che la bulimia sono spesso accompagnate da sintomi depressivi. La bulimia è anche accompagnata da ulteriori disturbi, come disturbi dell'umore, ansia e disturbi da abuso di sostanze. Alcune persone tendono inoltre ad alternare bulimia e anoressia nervosa.

In entrambi i casi, si tratta comunque di condizioni curabili. Il primo passo per curare la bulimia o l'anoressia sarà dunque quello di affidarsi a una persona esperta e seguire una terapia, che aiuterà a comprendere le ragioni alla base di tali problemi.

via | DifferenceBetween
Foto da iStock

  • shares
  • +1
  • Mail