Niente Male Day, sabato 14 aprile una giornata dedicata al dolore

Vivere con il dolore è un condizione diffusa: il 40% degli italiani soffre per una condizione cronica.

I farmaci contro il reflusso e l'ulcera aumentano il rischio di sviluppo di calcoli renali

Avere sempre e costantemente male. È una condizione persistente per 20 milioni di italiani, quattro su dieci, con punte di sei su dieci fra gli 'over 65', che devono fare i conti con quello che è un dolore cronico. Nell'80% dei casi il dolore di intensità da moderata a grave dipende da problemi articolari o alla schiena, come un' artrosi o una lombalgia.

La maggior parte dei pazienti si cura con antinfiammatori non steroidei in modo non corretto e confondendoli con gli analgesici in oltre gli 80% dei casi. Per approfondire questo problema sabato si terra il “Niente Male Day”, una giornata interamente dedicata al dolore. Dove sarà affrontato il tema? Nei maggiori centri commerciali di 12 città (Aosta, Cuneo, Gorizia, Treviso, Reggio Emilia, Terni, Pesaro, Frosinone, Caserta, Matera, Cagliari, Palermo, con i medici di famiglia volontari di Snami-4S disponibili dalle 9 alle 19), le persone potranno ricevere gratuitamente un consulto.

Sarà possibile partecipare a un questionario anonimo e ricevere una lettera da consegnare al proprio medico curante per una rivalutazione e un'adeguata scelta terapeutica. Angelo Testa, presidente nazionale Snami, ha commentato:

"Indagini europee mostrano che il 94% dei cittadini prima o poi prova dolore con intensità moderata o severa, nonostante una terapia sia in corso in tre casi su quattro. Questo significa vivere in media circa 6 anni con un dolore continuo, un periodo già lunghissimo che diventa interminabile per il 20% dei pazienti, per i quali diventa una costante che accompagna oltre 20 anni della loro vita".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail