Le malattie che causano insonnia e i sintomi da non sottovalutare

L'insonnia può essere un sintomo di malattie anche gravi, per questo non bisogna sottovalutarla

Malattie causano insonnia

L'insonnia, un problema che viene spesso affrontato come un disturbo a se stante, è in realtà sempre sintomo di qualcos'altro. La difficoltà a dormire la notte per un periodo continuativo di tempo o la fatica proprio ad addormentarsi, possono infatti essere la conseguenza di stress e agitazione, così come essere legati a problemi cronici di digestione, che rendono arduo il sano riposo notturno.

Ma l'insonnia è anche il sintomo di malattie vere e proprie, molte di natura psicologica, ma tante anche di tipo fisico. Questo disturbo è un vero classico se, ad esempio, si soffre di depressione ed è accompagnata, in questo caso anche da inappetenza, tristezza, disinteresse crescente per ciò che ci circonda, calo della libido.

Il problema dell'insonnia insorge anche in caso di malattie neurologiche degenerative, come il morbo di Parkinson o la malattia di Alzheimer, rispettivamente contraddistinti da sintomi specifici quali tremore, rigidità del tronco, difficoltà di coordinazione dei movimenti e perdita di memoria a breve termine, umore variabile, atteggiamento aggressivo.

Ma l'insonnia è un sintomo importante anche di disfunzioni tiroidee ed è uno dei campanelli d'allarme iniziali sia dell'ipotiroidismo, sia dell'ipertiroidismo, in genere accompagnato anche da calo o aumento del perso corporeo senza motivazione apparente, senso di spossatezza costante, gozzo.

Anche in caso di diabete non controllato bene, si può soffrire di insonnia, in quanto gli sbalzi della glicemia possono interferire con la qualità del sonno in maniera negativa, ma anche portare a difficoltà ad addormentarsi. In genere il passaggio ad una terapia più mirata, che eviti picchi glicemici, risolve anche il problema del cattivo sonno.

Non si devono preoccupare dell'insonnia le future mamme e le neomamme nei primi mesi di allattamento, quando il corretto riposo è messo a repentaglio dall'azione diretta e indiretta degli ormoni. Allo stesso modo la prima fase della menopausa può essere accompagnata da difficoltà ad addormentarsi e/o a dormire bene.

In queste fasi della vita di una donna c'è solo da avere pazienza e attendere che il problema si attenui in modo naturale, fino a sparire con il tempo. Tisane di erbe, massaggi rilassanti e aromaterapia possono aiutare ad affrontare l'insonnia in modo soft, senza diventarne vittime.

Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail