Influenza 2018, è finita l’epidemia che ha colpito 8,1 milioni di italiani

Si è conclusa la stagione influenzale 2018 ed è stata la più grave dopo quella del 2005 e quella del 2010 con 8,1 milioni di italiani a letto.

Sick young woman at home on the sofa with a cold, she is covering with a blanket and blowing her nose

Dopo l’ultimo colpo di coda causato dal maltempo, è possibile decretare la fine dell’epidemia di influenza 2018 in Italia che ha coinvolto 8,1 milioni di persone. Questo è quanto decreta l'ultimo bollettino Influnet curato dall'Istituto superiore di sanità, che dichiarato che la stagione 2017-2018 è stata la più intensa degli ultimi 15 anni.

Chi sono stati i più colpiti? I bambini sotto i 5 anni con 6,7 casi per mille assistiti, seguiti da quelli tra i 5 e 14 anni con 3,1 casi. Sono stati meglio i giovani adulti nei quali l'incidenza è scesa a 2,5 casi per mille assistiti e a 1,2 negli anziani dai 65 anni in su. Quest’influenza si può paragonare a quella delle stagioni 2004-05 e 2009-10, note per essere state molto forti. L'epidemiologo dell’Istituto Nazionale di Sanità Gianni Rizza ha così commentato:


Nella stagione 2004-2005, considerata finora la più intensa degli ultimi anni, ci furono 6,3 milioni di casi con un'incidenza di 14,6 casi ogni mille assistiti al momento del picco. Quest'anno i casi sono stati 8,1 mln e 14,7 per mille assistiti al momento del picco. Un andamento quasi inaspettato che rileva come sia stato predominante il ceppo B del virus dell'influenza, che di solito provoca epidemie contenute e si concentra sui bambini e invece quest'anno non ha risparmiato neanche adulti e anziani, facendo aumentare il numero dei casi.

L’altro virus protagonista è stato AH1N1, che può dare problemi soprattutto quando colpisce gli anziani. C’è una seconda buona notizia, oltre alla fine dell’epidemia, non è stata una stagione particolarmente gravità per quanto riguarda i casi gravi e i morti.

Via | Iss
Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail