Il fumo di terza mano fa male: cos'è e i possibili danni per la salute

Che cosa si intende per fumo di terza mano e quali sono i possibili rischi, soprattutto per i bambini.

fumo di terza mano

Il fumo di terza mano fa male all'organismo, tanto quanto il fumo diretto di una sigaretta o il fumo passivo. Può essere talmente pericoloso da essere una delle cause del cancro ai polmoni, come sottolineato da alcuni test che sono stati condotti da ricercatori statunitensi del National Lawrence Berkeley Laboratory, in uno studio che è stato poi pubblicato sulla rivista Clinical Science.

Ma cos'è il fumo di terza mano? E quali sono i possibili danni per la salute di chi ne è esposto?

Cos'è il fumo di terza mano


Il fumo di terza mano altro non è che l'insieme di tutte le sostanze derivate dal fumo di sigarette e simili che vanno a depositarsi sulle superfici della casa o dell'automobile, come tende, tappeti, ma anche i sedili della macchina. Può anche depositarsi sui capelli e sugli indumenti. Queste sostanze vanno a interagire con le molecole presenti nell'aria e il risultato è un mix tossico che può anche causare tumori, come scoperto da alcuni test condotti sui topi.

Purtroppo il fumo di terza mano non può essere facilmente eliminato. I soggetti più a rischio sono i bambini.

Fumo di terza mano, danni


I danni del fumo di terza mano sono molto simili a quelli del fumo passivo. Le sostanze nocive possono essere inalate nell'ambiente o assorbite attraverso la pelle. Secondo studi recenti, inoltre, può persino provocare alterazioni del Dna, facendo insorgere nei soggetti esposti anche malattie croniche.

Altre ricerche hanno posto l'allarme sull'esposizione al fumo di terza mano durante la vita prenatale, quando cioè il bambino è ancora nel grembo della mamma che è una fumatrice o che vive in un ambiente dove si fuma: pare che le sostanze nocive possano arrivare al feto, anche se l'ipotesi non è ancora stata del tutto confermata.

Come prevenire il fumo di terza mano


Prima di tutto non fumando, perché non dimentichiamo che le sostanze potenzialmente nocive si possono depositare anche sugli abiti: prendendo in braccio il bambino, può inalare accidentalmente questo mix che può causare, come abbiamo visto, gli stessi danni del fumo passivo. E' di fondamentale importanza non fumare in casa, soprattutto in presenza di neonati, bambini e anche di anziani.

Smettere di fumare è comunque la strada migliore per prevenire il fumo di terza mano e proteggere così non solo se stessi, ma anche chi ci sta accanto.

Foto iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail