Epatite C, i trattamenti di bellezza sono il principale fattore di rischio

L’epatite C è ancora molto diffusa e secondo primo bollettino del Sistema Epidemiologico Integrato i trattamenti di bellezza sono veicolo di contagio.

Laboratory test, Hepatitis C, blood tubes on paper

Sono sempre più frequenti i casi di epatite C contratti a seguito di trattamenti di bellezza (dalla manicure, ai tatuaggi, dalle rasature ai piercing). Nel 2017 il 34% delle infezioni segnalate sono imputare a questo genere di causa, secondo il primo bollettino del Sistema Epidemiologico Integrato delle Epatiti Virali Acute-SEIEVA dell'Istituto superiore di sanità. I casi di epatite B quest’anno (dati fino al 22 novembre) sono stati 178, mentre quelli di
epatite C 47.

Quali sono gli altri fattori di rischio? La tossicodipendenza (31,8%), i rapporti sessuali a rischio (31%) e l'esposizione in ospedale (30%), con emodialisi, interventi chirurgici, endoscopia o trasfusioni. C’è però una notizia positiva e importante: dal 1985 in Italia c'è stato un calo generale per tutte le infezioni da epatite, in particolare B e C. In oltre 30 anni l'incidenza è scesa dagli oltre 10 casi per 100mila abitanti della fine degli anni '80 a meno di 1 caso per 100mila dal 2010 per l'epatite B e dal 2000 per l'epatite C.

Via | IlGazzettino

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO