Bambina di Trento morta per malaria: il contagio è avvenuto in ospedale a causa di un errore umano

La bambina morta a Trento per malaria non è stata infettata da una zanzara, ma da un ago in ospedale.

Researcher is analyzing test tube with Malaria.

La bimba di quattro anni morta di malaria è stata contagiata in ospedale a causa di una macroscopica falla nelle procedure (si sospetta un ago infetto) e non dalla puntura di una zanzara. Si tratta di un errore umano. L'informazione è riportata nei periti dell'Istituto Superiore di Sanità i quali hanno trasmesso alla procura di Trento le loro conclusioni in una relazione di tre pagine molto tecnica. Gli esperti che hanno seguito l'indagine hanno dichiarato che

"l'impronta genetica del Plasmodium della piccola Sofia è identica a quella di una bimba del Burkina Faso ricoverata nello stesso periodo al Santa Chiara di Trento, ma non a quella del fratellino e del genitore".

Le analisi sono state complesse, e hanno permesso di capire che il contagio - come anticipato nei giorni scorsi dalla ministra della Salute, Beatrice Lorenzin - sarebbe avvenuto in ospedale. Dunque tutto punta verso un incidente o un errore nelle procedure sanitarie seguite. La Ministra ha inoltre commentato:

“Le autorità preposte cercheranno di comprendere come sia avvenuto il contagio, è una situazione particolarmente complessa ma mi sento confortata dal fatto che non vi siano focolai epidemici di malaria in giro per l’Italia. Sicuramente sull’infezione provocata dal contatto di sangue sono state scritte delle ricostruzioni molto lontane dal vero, ci sono stati invece fattori più complicati e la magistratura ci sta lavorando”.

Via | Ansa

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO