La candeggina può aumentare il rischio di malattie polmonari croniche

Alcuni detersivi che usiamo a casa potrebbero danneggiare le nostre vie respiratorie? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

La candeggina e altri detersivi che normalmente utilizziamo per pulire, possono aumentare il rischio di malattie polmonari croniche? A cercare di rispondere a questa domanda sono i membri del French National Institute of Health and Medical Research, che attraverso un vasto studio hanno esaminato i dati relativi a un campione di più di 55.000 infermieri. Al basale, tutti i partecipanti non erano affetti da BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), e gli esperti hanno seguito i volontari per un periodo di 8 anni.

Durante questo arco di tempo, i partecipanti hanno fornito informazioni in merito alla frequenza con cui utilizzavano prodotti per la pulizia di ambienti o strumenti di lavoro, come glutaraldeide, candeggina, perossido di idrogeno, alcool e composti dell’ammonio quaternario, ovvero delle sostanze ampiamente usate per disinfettare superfici come pavimenti e mobili. Durante il periodo di follow-up di 8 anni, 663 infermieri hanno sviluppato la BPCO.

Abbiamo scoperto che gli infermieri che utilizzavano i disinfettanti per pulire le superfici regolarmente, almeno una volta alla settimana, hanno avuto un rischio maggiore del 22% di sviluppare la BPCO.

Spiegano gli autori dello studio, che sottolineano che il rischio sarebbe aumentato fino al 32% a seconda delle sostanze chimiche e della frequenza con cui venivano utilizzati tali prodotti.

Alcuni di questi disinfettanti, come il la candeggina, sono spesso usati nelle normali famiglie, e poichè il potenziale impatto dell'uso domestico dei disinfettanti sullo sviluppo della BPCO non è ancora noto, è importante esaminare ulteriormente la questione.

via | MedicalNewsToday

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO