Infarto: cosa mangiare dopo il recupero

Dopo un infarto la dieta è fondamentale: scopriamo insieme cosa mangiare per mantenere il cuore in salute.

infarto cosa mangiare

Mangiare bene dopo un infarto può essere un modo molto valido per facilitare il recupero e per scongiurare un episodio futuro. Nella maggior parte dei casi l'ictus si verifica quando un coagulo di sangue ostruisce il flusso di sangue e ossigeno verso il cervello. Una dieta ad alto contenuto di grassi può aumentare il rischio di depositi lipidici, o placche, che bloccano le arterie e portano a un coagulo di sangue.

Essere in sovrappeso o obesi, avere la pressione sanguigna alta, elevati livelli di colesterolo o il diabete aumenta il rischio di infarto. Un nutrizionista può aiutare a migliorare la dieta per gestire meglio queste condizioni. Vediamo cosa mangiare dopo un infarto:


  • Vitamine: frutta e verdura forniscono vitamine, minerali e altre sostanze nutritive. Le vitamine A, C e E e il beta-carotene sono antiossidanti che possono aiutare a prevenire i danni alle arterie. Le fonti di antiossidanti includono le verdure a foglia verde come broccoli, cavoli di Bruxelles, cavolo e spinaci, agrumi e frutti rossi come mirtilli e lamponi. 

  • Minerali: il potassio può aiutare a prevenire l'ipertensione. Buone fonti di potassio sono patate, spinaci e banane.

  • Fibre: possono contribuire a ridurre i livelli di colesterolo. In particolare, l'avena è nota per aiutare a ridurre il colesterolo.

  • Proteine: si possono trovare in carne, pesce, fagioli, uova, latticini, frutta secca, alghe e semi.

  • Grassi: occhio ai grassi saturi e ai grassi trans, via libera ai grassi vegetali nobili, come l'olio di oliva.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO