Lo scioglimento dei ghiacci potrebbe diffondere vecchi virus

Si tratta di un allarme lanciato diversi anni fa, ma sempre più stringente: i batteri congelati possono resuscitare, lo dice la NASA.

Virus intrappolati nei ghiacci potrebbero tornare a diffondersi.

In un esperimento condotto nel 2005 la NASA è riuscita a riportare in vita dei virus o batteri congelati nel ghiaccio dell'Alaska da 32.000 anni. Non è l'unica prova del fatto che virus e batteri intrappolati nel ghiaccio sono capaci di tornare in vita e mettere in pericolo la nostra salute. A lanciare l'allarme, sempre più attuale viste le previsioni dello scioglimento dei ghiacci polari, è un caso di cronaca del 2016.

Nella tundra siberiana un ragazzo di 12 anni è morto e molte altre persone sono rimaste in ospedale a causa della diffusione di antrace proveniente dallo scongelamento del permafrost che ha portato alla luce il cadavere di una renna morta 75 anni fa. Il caso potrebbe non essere isolato e comportare dei seri rischi di salute.

Il permafrost è un terreno fertile per la proliferazione dei batteri una volta resuscitati, così come ogni altra zona coperta da ghiacci. In una grotta del Messico sono stati trovati dei batteri rimasti isolati per un milione di anni, ma incredibilmente resistenti a 18 tipi di antibiotici.

 

Via | BBC

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail