Cos’è il mixoma e quali sono i sintomi

Il mixoma o mixoma cardiaco è un tumore benigno del cuore: scopriamone insieme i sintomi.

Il mixoma è un tumore benigno del cuore

Il mixoma è una delle forme più diffuse e comuni di neoplasia cardiaca, un tumore del cuore di origine benigna. Il mixoma colpisce prevalentemente le persone dai 50 anni in su e rappresenta la metà dei tumori che possono interessare il cuore. Solitamente il mixoma si presenta negli atri, nell'86% dei casi in quello sinistro. In questo caso si parla di mixoma atriale.

Quali sono i sintomi del mixoma? Il mixoma cardiaco si presenta come una massa tondeggiante molto vascolarizzata. Il mixoma ha una consistenza solida o gelatinosa, con una superficie liscia e compatta oppure friabile ed irregolare e può raggiungere gli 8-10 centimetri di diametro. I sintomi del mixoma possono comprendere manifestazioni comuni come tosse, febbre, brividi, pallore, vertigini, sonnolenza, stanchezza, gambe gonfie e ipotensione, ma anche:


  • Anemia

  • Anoressia

  • Aritmia

  • Artralgia

  • Ascite

  • Astenia

  • Cachessia

  • Cardiomegalia

  • Cardiopalmo

  • Caviglie gonfie

  • Disfagia

  • Dispnea

  • Distensione delle vene del collo

  • Dita a bacchetta di tamburo

  • Dolore al petto

  • Dolori articolari

  • Dolori muscolari

  • Edema

  • Embolia

  • Emottisi

  • Mialgia

  • Ortopnea

  • Perdita di peso

  • Petecchie

  • Piastrinopenia

  • Polso paradosso

  • Ritenzione idrica

  • Sincope

  • Sindrome di Raynaud

  • Soffio mitralico sistolico

  • Sudorazioni notturne

  • Svenimento

  • Tachicardia

  • Tamponamento cardiaco

  • Versamento pericardico


In alcuni casi i sintomi del mixoma possono portare a una vera e propria ostruzione cardiaca, ma solo in casi molto rari i mixomi risultano essere infetti. La terapia prevista per il mixoma è esclusivamente di natura chirurgica. Solitamente si procede con l'asportazione della massa o escissione e l'intervento è in grado di diminuire drasticamente i rischi e la mortalità del paziente. Dopo l'intervento il cuore va monitorato costantemente con delle ecografie per scongiurare la formazione di eventuali recidive del mixoma.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO