La Regione Toscana sbaglia un ordine e riceve 10 milioni di medicinali che non servono

L'Estar ordina per la Regione Toscana 10 milioni di medicinali che non servono.

farmaci

La Regione Toscana si trova in magazzino 10 milioni di farmaci che non voleva. Tutta colpa di un ordine sbagliato eseguito dall'Estar, l'ente che si occupa degli acquisti per la sanità. Da tempo sono in commercio delle molecole molto utili per contrastare l'Epatite C: prima si usava esclusivamente il sofosbuvir (Sovaldi) della Gilead (che l'Aifa vuole far passare in fascia C). Oggi sono a disposizione medicinali di altre cause farmaceutiche a prezzi decisamente più bassi.

In questi mesi la Regione Toscana lo ha usato poco, preferendo nuove molecole, ma per alcuni pazienti è ancora utile, così si è deciso di ordinarne 90 confezioni. Il funzionario Estar che ha fatto l'ordine, però, per un errore ha richiesto 720 confezioni, con un costo di 7 milioni in più a quello che la regione voleva sostenere. Soldi che oggi possono essere utilizzati per molti farmaci anti Epatite C in più, visti i prezzi del Sovaldi e dei concorrenti.

Pare che Gilead avesse segnalato a Estar la stranezza dell'ordine, ma la mail è arrivata all'indirizzo sbagliato. Così l'ordine è andato avanti e i farmaci sono arrivati al magazzino: Estar ha visto che c'era qualcosa che non andava e si è rifiutata di pagare.

La questione è arrivata anche in Regione e ora si chiede a Estar di risolvere il problema!

Via | Repubblica

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 46 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO