La borreliosi è contagiosa? Sintomi, terapia e diagnosi dell'infezione da batterio Borrelia

La Borreliosi è una malattia contagiosa? Ecco quali sono i sintomi, i trattamenti, e come prevenire la malattia.

Zecca

La Borreliosi è una condizione nota anche con il nome di malattia di Lyme (dal nome della città in America dove fu identificato il primo caso nel 1975). Si tratta di una malattia provocata dal batterio Borrelia burgdorferi, che penetra nella pelle attraverso il morso di una zecca. I primi segni della malattia possono manifestarsi entro i 30 giorni che seguono il morso, per cui sarà importante prestare attenzione agli eventuali segnali, come ad esempio la presenza di una lesione sulla pelle oppure febbre alta (oltre i 38°C).

I sintomi di questa malattia possono essere molteplici, e possono interessare cute, cuore, sistema nervoso centrale e articolazioni. Fra i primi sintomi da non sottovalutare si segnala la presenza del cosiddetto “eritema migrante”, un rush che si manifesta inizialmente come una piccola macchia, e che tenderà a ingrandirsi progressivamente. Il paziente noterà inoltre sintomi come brividi, stanchezza, febbre, dolori articolari e ai muscoli, e rigidità della nuca. Fra i segni della malattia vi sono anche ingrossamento dei linfonodi, aumento di volume della milza, epatite, mal di gola, nausea, vomito, tosse, congiuntivite, irite, tumefazione testicolare, artrite, e ginocchia gonfie e doloranti.

La diagnosi della Borreliosi andrà eseguita mediante l’analisi dei sintomi riportati dal paziente e attraverso esami del sangue. Il trattamento della malattia consisterà nella somministrazione di farmaci antibiotici.

Ma come fare a ridurre il rischio di contrarre questa malattia? In primo luogo, sarà fondamentale proteggersi dalle zecche, utilizzando dei repellenti, e – se necessario – controllare che non abbiate delle zecche addosso o che non ve ne siano sui vostri animali domestici.

via | Salute.gov.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail