I sintomi della claustrofobia, i rimedi e la cura utili

La claustrofobia è la paura degli spazi chiusi e ristretti, come grotte, ascensori e metropolitane.

La claustrofobia è la paura degli spazi ristretti

La claustrofobia è considerata in ambito psicopatologico come una fobia specifica, o fobia semplice ed è caratterizzata da una forte paura in presenza o nell'attesa di una particolare situazione e dal suo evitamento diretto. Claustrofobia significa letteralmente paura del luogo chiuso e in effetti la particolare situazione che viene evitata e che suscita intense paure in questo tipo di fobia è proprio quella di trovarsi in uno spazio ristretto.

Questa situazione risveglia nelle persone delle paure archetipiche, ovvero paure istintive e primitive, comuni a tutti gli animali. Il terrore delle persone che soffrono di claustrofobia solleva pensieri di impotenza, solitudine e vuoto e possono manifestarsi assieme ai tipici sintomi di un attacco di panico o di una crisi d'ansia.

I sintomi della claustrofobia sono quindi un iniziale senso di oppressione che diventa incontrollabile e scatena reazioni fisiche come l'iperventilazione, l'ipersudorazione e la nausea. La claustrofobia può suscitare pensieri di morte e paralizzare la persona, che tenderà perciò ad evitare ogni situazione simile.

I sintomi della claustrofobia possono iniziare a presentarsi anche al solo pensiero o se la persona che ne soffre viene sottoposta alla visione di scene che evocano una situazione simile, come in un film. Anche soltanto il sogno o l'immedesimazione possono suscitare una risposta esagerata. In alcuni casi le persone claustrofobiche possono soffrire della paura degli spazi ristretti anche nelle relazioni e cercare di evitare un'eccessiva intimità o un rapporto morboso.

Talvolta anche una camicia abbottonata troppo stretta, una sciarpa o un abbraccio troppo stretto possono stimolare la sensibilità di una persona claustrofobica. La claustrofobia si può curare con la psicoterapia e in particolare con quella di tipo cognitivo.

Per quanto riguarda i rimedi della claustrofobia, bisogna innanzitutto parlare della respirazione. Effettuare regolarmente degli esercizi di respirazione può aiutare ad affrontare il problema e ad alleviarlo. Nel momento del bisogno sarà più facile rilassarsi rallentando il respiro e controllandolo completamente, facendo svanire i sintomi della claustrofobia. Tra le cure della claustrofobia figurano vari tipi di psicoterapia, in particolare quella di stampo cognitivo - comportamentale, che sembra essere la più efficace.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO