Aerofagia: cause e rimedi

L'aerofagia può essere un fenomeno naturale e passeggero, ma anche un sintomo patologico da non sottovalutare.

L'aerofagia può dipendere da molte cause, la più comune è la cattiva masticazione e respirazione

L'aerofagia letteralmente è il fenomeno di deglutizione di aria nell'apparato digerente. Dopo aver ingerito una certa quantità d'aria mangiando o bevendo, ma anche parlando, ne consegue la relativa espulsione, sotto forma di eruttazioni o flatulenze, a volte preceduti da gonfiore e tensione addominale e borborigmi, i tipici rumori della digestione.

L'aerofagia normale consiste nella normale introduzione di aria nell'intestino con la deglutizione. Solitamente solo il 10% dell'aria presente nell'intestino deriva dalla fermentazione dei cibi ingeriti, mentre quasi l'80% dipende dall'introduzione attraverso la respirazione. L'aerofagia in questi casi si accompagna a un naturale riassorbimento dei gas a livello ematico, oppure all'espulsione moderata tramite le eruttazioni o la flatulenza.

Nel caso invece di aerofagia patologica, ci si riferisce a quell'attività di ingestione d'aria di proporzioni anomale o di origine diversa da quella normale. Ricadono in questa categoria le forme di aerofagia legate a cause psichiche come i tic o l'iperventilazione ansiosa, che favorisce la deglutizione d'aria.

Le cause di aerofagia possono essere l'ulcera peptica, la gastroduodenite, la colecistopatie, modificazioni legate alla gravidanza. L'aerofagia può anche svilupparsi in caso di rinite e sinusite cronica e nei casi di ipersalivazione, quando si degluitsce molta saliva. Altre cause di aerofagia sono l' ernia iatale, la sindrome del colon irritabile, la secchezza delle fauci e alcune protesi dentarie non adeguate, oltre al fumo.

Una delle cause più comuni in assoluto di aerofagia è una masticazione affrettata o la tachifagia, l'abitudine a mangiare troppo velocemente. I rimedi per l'aerofagia dipendono molto dalla causa scatenante e comprendono una terapia ansiolitica, l'uso di carminativi e digestivi, come tisane e integratori di carbone attivo vegetale, la rieducazione respiratoria e una maggior lentezza nella masticazione.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO