Salute, 9 italiani su 10 si affidano a Google per informarsi

Sembra che la maggior parte degli italiani si affidi al dottor Google per informarsi sulla salute.

google

Sembra che la maggior parte degli italiani (88%) cerchi informazioni sulla propria salute su internet e che la metà di essi si fidi ciecamente dei primi risultati di ricerca su Google, senza neanche controllare se quelle fonti siano attendibili o meno. Dai dati emersi da un sondaggio promossa da IBSA Foundation, salta fuori che gli utenti fra i 24 e i 34 anni usano il web per supportare le loro ricerche, ma tendono comunque ad essere più diffidenti di chi ha 45-54 anni. Molto diffidenti sono gli ultra 65enni: non usano molto il web e lo considerano a rischio. Praticamente inesistente il controllo delle fonti: il 44% degli intervistati si fida dei primi risultati di ricerca di Google, soprattutto chi ha fra i 18 e i 24 anni.

Il sondaggio è stato proposto durante un workshop che si è tenuto di recente a Roma, promosso anche da Cittadinanzattiva: "E- Health: Tra bufale e verità: Le Due Facce Della Salute In Rete". Proprio secondo Antonio Gaudioso di Cittadinanzattiva: "E' soprattutto quando il cittadino è a caccia di informazioni sulla salute sul web e l'indagine ci mostra che accade sempre più spesso, che le nozioni di base diventano l'unica arma per difendersi da informazioni parziali o scorrette". Fra i consigli dati per evitare di cadere preda delle bufale sul web, ci sono quelli di controllare le fonti, di chiedere al medico di ripetere tutto ciò che non si è capito, di capire bene a cosa servono i farmaci che vengono prescritti, di farsi accompagnare da qualcun altro nelle visite e di diffidare di siti gestiti da presunti "santoni" che non hanno alcun titolo per esercitare la professione medica se non quelli che si sono dati da soli.

Via | Ansa

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO