Livelli essenziali di assistenza: cosa cambia nella Sanità con i nuovi LEA

Il Ministero della Salute ha approvato i nuovi livelli essenziali di assistenza. Ecco cosa cambia nei LEA.

Qualsiasi sintomo si riconosca, bisogna sempre chiedere consiglio al proprio medico, l'unico in grado di effettuare una diagnosi.

Approvati i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, i LEA, dal Ministero della Salute: si tratta delle cure e delle prestazioni che verranno garantite a tutti i cittadini in maniera gratuita o previo pagamento di un ticket. Oltre alle malattie precedentemente inserite nei livelli essenziali di assistenza, ci sono altre patologie, cure, trattamenti, prestazioni che saranno disponibili per tutti. Vediamoli nel dettaglio.


  1. Autismo, nei LEA aggiornati si recepisce la legge 134 del 2014, con diagnosi precoce, cura e trattamenti individualizzati, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie.

  2. Malattie rare: introdotto un codice che dà diritto all'esenzione per 110 nuove malattie rare, come miastenia grave e sclerosi sistemica.

  3. Malattie croniche: rivisto l'elenco delle malattie croniche e invalidanti, con l'introduzione di sei patologie esenti dal ticket, tra le quali broncopneumopatiaostruttiva, sindrome da talidomide, rene policistico, endometriosi moderata e grave.

  4. Celiachia e Sindrome di Down vengono inserite tra le malattie croniche: per i celiaci verranno concessi anche gli alimenti senza glutine.

  5. Piano vaccinale: introduzione di nuovi vaccini, come l'anti Pneumococco, l'anti Meningococco e l'anti Varicella. Il vaccino anti Papillomavirus verrà esteso anche agli adolescenti maschi.

  6. Screening alla nascita per individuare sordità e cataratta congenita, ma anche altre 40 malattie metaboliche ereditarie.

  7. Nomenclatore della specialistica ambulatoriale: aggiornato il testo del 1996, con l'introduzione delle prestazioni per la procreazione medicalmente assistita, sia omologa che eterologa. Si prevedono anche prestazioni di genetica e terapie come l'adroterapia per la cura dei tumori o la radioterapia stereotassica.

  8. Nomenclatore protesico: aggiornato il testo del 1999 con l'introduzione di ausili informatici e di comunicazione come quelli per i malati di Sla, ma anche apparecchi acustici digitali e carrozzine a tecnologia avanzata, sensori di comando e controllo degli ambienti come il telesoccorso.

  9. Ludopatia e terapia del dolore: previsti nei LEA nuovi trattamenti.

Via | Ansa

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO