Ecografia addominale, quando si fa e come ci si prepara

L'ecografia addominale è una tecnica diagnostica che sfrutta gli ultrasuoni per ottenere delle immagini dello stato di salute degli organi addominali.

L'ecografia addominale è un esame diagnostico che viene effettuato per valutare lo stato di salute degli organi interni

L'ecografia è un esame che consiste in un'indagine non invasiva degli organi addominali. L'ecografia addominale si basa sull'emissione di ultrasuoni e non di radiazioni e non sono riportate alcune controindicazioni. Gli ultrasuoni sono onde che vengono emesse da una sonda appoggiata a diretto contatto con l'addome sulla pelle, che viene prima ricoperta da un sottile strato di gel. Le onde degli ultrasuoni vengono riflesse dai diversi tessuti in maniera differente e questo permette al macchinario di creare delle immagini sulla base di queste differenze.

L'ecografia dell'addome superiore richiede una preparazione particolare, per consentire di eliminare tutta l'aria intestinale. L'ecografia addominale superiore comprende l'indagine di organi come il fegato, la milza, i reni, il pancreas, lo stomaco e le arterie come l'aorta. La preparazione consiste in un'alimentazione molto leggera e un digiuno per le ore precedenti all'ecografia. L'ecografia dell'addome inferiore prevede che la vescica sia piena di urina, mentre l'ecografia addominale completa prevede entrambe le preparazioni.

L'ecografia addominale viene prescritta per una moltitudine di accertamenti; il più comune dei quali arriva dopo l'alterazione degli indici ematochimici, ovvero dopo aver riscontrato risultati sbilanciati delle analisi del sangue che potrebbero rivelare un malfunzionamento di alcuni organi interni.

Nel caso di dolore addominale, di una massa addominale pulsante che potrebbe indicare la presenza di un'aneurisma o traumi, coliche, cisti e neoplasie, l'ecografia addominale viene richiesta con carattere di urgenza. Solitamente si tratta di un esame diagnostico eseguito in seguito alla rilevazione di disequilibri nei livelli di creatinina, amilasi, lipasi, bilirubina e marcatori tumorali.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail