I farmaci per l’ipertensione influenzano anche l’umore

I farmaci per curare la pressione alta possono influenzare anche l'umore. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Farmaci pressione alta

I farmaci per l’ipertensione potrebbero avere un effetto anche su alcuni disturbi dell’umore, in particolar modo depressione e disturbo bipolare. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista dell’American Heart Association “Hypertension”, e condotto dai membri della University of Glasgow, i quali hanno voluto scoprire il potenziale impatto dei farmaci per l’ipertensione sull’umore di 525,046 pazienti dai 40 agli 80 anni, appartenenti a un database ospedaliero che sono stati seguiti per un periodo di 5 anni. Esaminando i dati dei pazienti, gli esperti avrebbero reclutato 144,066 individui adatti ad essere inclusi nello studio.

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi in base al farmaco che gli era stato prescritto: antagonisti dell'angiotensina, beta-bloccanti, calcio-antagonisti o diuretici tiazidici. La ricerca ha inoltre incluso un gruppo di controllo di 111,936 persone che non aveva assunto nessuno di questi quattro tipi di farmaci durante il periodo di studio.

Durante i 5 anni di follow-up, i ricercatori hanno documentato l'ospedalizzazione per disturbi dell'umore (come depressione o disturbo bipolare) di un campione di 299 pazienti, principalmente per depressione maggiore, e a circa 2,3 anni dall’inizio dell’assunzione del farmaco. Dopo aver confrontato le quattro classi di farmaci antipertensivi, gli investigatori hanno scoperto che due farmaci sono stati associati a un aumento del rischio di disturbi dell'umore, mentre un farmaco avrebbe diminuito tale disturbo.

In particolar modo, la gente a cui erano stati prescritti beta-bloccanti e calcio antagonisti avrebbe corso un rischio raddoppiato di ricovero ospedaliero per i disturbi dell'umore, rispetto ai pazienti che hanno assunto gli antagonisti dell'angiotensina, che hanno invece registrato un più basso rischio di ospedalizzazione per disturbi dell'umore. I soggetti che assumevano tali farmaci avrebbero presentato una minore probabilità di essere ricoverati per disturbi dell’umore rispetto a coloro che non assumevano alcun tipo di farmaco contro l’ipertensione.

via | Medicalnewstoday.com

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO